Bartolomeo Borghesi

numismatico e epigrafista italiano

Bartolomeo Borghesi (Savignano sul Rubicone, 11 luglio 1781Città di San Marino, 16 aprile 1860) è stato un numismatico ed epigrafista italiano naturalizzato sammarinese. Molto apprezzato dai contemporanei, è noto soprattutto per i suoi studi di epigrafia e di numismatica[1];.

Bartolomeo Borghesi

BiografiaModifica

Figlio di Pietro Borghesi, studiò prima a Bologna e dopo a Roma, dove per incarico di papa Pio VII curò la catalogazione di numerose collezioni numismatiche del Vaticano e produsse la sua opera monumentale Nuovi Frammenti dei Fasti Consolari Capitolini (1818-1820), che gli valse la stima degli studiosi di tutto il mondo e fornì le basi per la cronologia della storia di Roma.

Di simpatie liberali, fu perseguitato dai governi della Restaurazione e costretto nel 1821 a ritirarsi a San Marino, dove fu chiamato a ricoprire cariche pubbliche. Prima di morire il Borghesi concepì il progetto di collezionare tutte le iscrizioni latine, progetto ripreso poi dall'Accademia di Berlino sotto la responsabilità di Theodor Mommsen e che ha dato vita al Corpus Inscriptionum Latinarum.

A dimostrazione della riconosciuta notorietà dello studioso, vi è la circostanza che, dopo la sua morte, Napoleone III ordinò la pubblicazione di tutte le opere di Borghesi.

Il suo busto è raffigurato in una edizione commemorativa della moneta da 2 euro della Repubblica di San Marino del 2004 e su una cartolina postale emessa il 23 aprile 1981 sempre da San Marino.

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (classe di pace)
— 1842

NoteModifica

  1. ^ Società Numismatica Italiana (PDF), su socnumit.org.

BibliografiaModifica

Costantino Luppi: Vite di illustri Numismatici Italiani - Bartolomeo Borghesi, in Rivista italiana di numismatica, III, (1891), p. 251 e segg.

Augusto Campana, "BORGHESI, Bartolomeo" in "Dizionario Biografico degli Italiani" Vol. 12, 1971 (http://www.treccani.it/enciclopedia/bartolomeo-borghesi_%28Dizionario-Biografico%29/)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12385911 · ISNI (EN0000 0000 6629 4516 · LCCN (ENn83149944 · GND (DE119546612 · BNF (FRcb12363171q (data) · BNE (ESXX4953080 (data) · BAV (EN495/94604 · CERL cnp00406680 · WorldCat Identities (ENlccn-n83149944
  Portale Numismatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di numismatica