Battaglia del fiume Margus

Battaglia del fiume Margus
CarinusAureus.jpg
Moneta di Carino, l'imperatore sconfitto e ucciso nella battaglia
Dataluglio 285
Luogonei pressi di Viminacium, vicino alla moderna Velika Morava, Serbia
EsitoDecisiva vittoria di Diocleziano
Schieramenti
Comandanti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia del fiume Margus fu combattuta nel luglio 285 tra l'imperatore romano Carino e l'usurpatore Diocleziano. La vittoria del secondo mise fine alla crisi del terzo secolo dell'impero romano.

Contesto storicoModifica

Diocleziano si era ribellato nell'oriente, dopo la morte dell'imperatore Numeriano. Il fratello e collega di Numeriano, Carino, si mosse dalla Britannia per affrontare l'usurpatore: i due eserciti si incontrarono sul fiume Margus (oggi Morava), nei pressi di Viminacium, in Moesia.

BattagliaModifica

Secondo una tradizione avversa a Carino, l'imperatore vinse la battaglia, ma fu assassinato da uno dei suoi ufficiali al quale aveva sedotto la moglie.[1] Una versione più verosimile è che gli ufficiali di Carino tradirono il proprio imperatore:[2] è infatti noto che Diocleziano mantenne nel suo ufficio il prefetto del pretorio di Carino, il console Aurelio Aristobulo.[3]

NoteModifica

  1. ^ Aurelio Vittore, 39.11
  2. ^ Eutropio, 9.20.2
  3. ^ Secondo Aurelio Vittore (39.15) questo fu un atto di clementia di Diocleziano, ma potrebbe essere stato il premio per il tradimento. Per di più Aristobulo, oltre a mantenere consolato e prefettura, divenne proconsole d'Africa e prefetto urbano (Jones, p. 106).

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Fonti secondarieModifica

  • Jones, A.H.M., J.R. Martindale, e J. Morris. "Carinus", The Prosopography of the Later Roman Empire Vol. I (Cambridge, 1971).
  • Leadbetter, William, "Carinus (283-285 A.D.)", De Imperatoribus Romanis

Voci correlateModifica

  Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma