Apri il menu principale
Seconda battaglia di Nantes
parte delle Guerre di Vandea
Data30 luglio 1793
LuogoLuçon
EsitoVittoria repubblicana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
2.400 uomini15.000 uomini
Perdite
10 morti
20 feriti
Sconosciute
160 prigionieri
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La seconda battaglia di Luçon è stata una battaglia delle Guerre di Vandea, combattuta il 30 luglio 1793 a Luçon.

AntefattoModifica

Il 25 luglio, il generale Augustin Tuncq, sostituto del generale Sandoz a Luçon, con 1.500 uomini lanciò un attacco notturno su Saint-Philbert-du-Pont-Charrault riuscendo a prendere la città, facendo scappare i vandeani che persero anche un loro comandante, Charles Sapinaud de La Verrie, e in seguito occuparono anche Chantonnay. Tuncq, a differenza del suo predecessore, si oppose ai saccheggi, cosa che lo rese molto impopolare tra i suoi uomini.

Charles de Royrand, generale vandeano dell'esercito del centro, ripiegò allora su Montaigu con 1.500 uomini, quindi scrisse a Maurice d'Elbée per chiedere rinforzi. Il generalissimo, assecondato da Louis Marie de Lescure, Henri de La Rochejaquelein e Antoine de Talmont, raggiunse l'esercito di Royrand alla testa di 15.000 uomini.

Saputo dell'imminente sopraggiungere di quel grande esercito cattolico e reale, Tuncq evacuò Chantonnay dopo averla incendiata e dall'altra parte d'Elbée deciso a prendere Luçon, si lanciò all'inseguimento dei repubblicani, raggiungendoli davanti alla città il 30 luglio.

La battagliaModifica

A mezzogiorno iniziò la battaglia con i tiri dell'artiglieria vandeana che fece ripiegare le prime linee repubblicane. Temendo che le sue truppe si dessero alla fuga, Tuncq spiegò la sua artiglieria e rispose al fuoco colpendo il lato sinistro dell'esercito vandeano, riportando all'ordine i suoi e attaccando con i suoi ussari la cavalleria vandeana del Principe de Talmont.

Ma i vandeani vedendo la fuga dei repubblicani pensarono che non si sarebbero fermati e così li superarono per prenderli alle spalle, ma inspiegabilmente appena i repubblicani si riorganizzarono, i vandeani furono presi dal panico dandosi a loro volta alla fuga. Tuncq lanciò allora un contrattacco generale con quasi tutte le sue truppe ma Talmont, con i suoi cavalieri, riuscì a contenere l'attacco degli ussari e riuscì a proteggere la ritirata vandeana.

BibliografiaModifica

  • Yves Gras, La Guerre de Vendée, éditions Economica, 1994, p. 56-57.
  • Jean Tabeur, Paris contre la Province, les guerres de l'Ouest, éditions Economica, 2008, p. 115-116.