Benedetto da Piombino

giurista (1340-1410)

Benedetto Barzi, noto anche come Benedetto da Piombino e latinizzato come Benedictus de Plumbino[1] (Piombino, 1340 circa – Padova, 14 marzo 1410), è stato un giurista, docente e diplomatico italiano della seconda metà del XIV secolo.[2]

Non va confuso con l'omonimo giurista Benedetto Barzi da Perugia[3] (1389-1459), vissuto cinquant'anni dopo.

BiografiaModifica

Nacque intorno al 1340 a Piombino; all'epoca la città era sotto il dominio di Pisa (per cui talvolta Benedetto è stato definito "pisano").[2]

Nel 1380 venne inviato a Firenze quale ambasciatore di Pisa; ricoprì in seguito diversi altri incarichi diplomatici in altre città (fu giudice alle tutele a Genova).[2]

Parallelamente si sviluppò la sua carriera accademica: nel 1395-1397 era lettore presso l'Università di Bologna.[2] Ottenne a Padova la licenza in diritto civile nel settembre 1398, quindi nel novembre dello stesso anno il dottorato, venendo presentato da Baldo degli Ubaldi.[2] Fu in seguito chiamato come lettore in varie città della penisola italiana.[2] Nel 1408 iniziò ad insegnare presso l'università di Padova. Morì nel 1410 in quella città, venendo sepolto nella chiesa degli agostiniani.[2]

OpereModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32931895 · ISNI (EN0000 0001 0885 8755 · LCCN (ENn98059285 · GND (DE124506364 · CERL cnp01303178 · WorldCat Identities (ENlccn-n98059285