Bernardino de Mendoza (1540-1604)

comandante militare spagnolo

Bernardino de Mendoza (Guadalajara, 1540 circa – Madrid, 3 agosto 1604) è stato un comandante militare spagnolo, diplomatico e scrittore di storia militare e di politica.

Non va confuso con l'altro Bernardino de Mendoza (1501-1557) che nel 1555 fu, per un breve periodo, luogotenente del viceré di Napoli.

BiografiaModifica

Bernardino de Mendoza nacque a Guadalajara nel 1540 (o 1541). Discendente da nobile famiglia, fu soldato, diplomatico e scrittore di valore. Fu al seguito del duca d'Alba in Italia e nelle Fiandre, dove comandò la cavalleria all'assedio di Mons e nella battaglia di Mookerheyde (1574). Si recò due volte in Inghilterra, quale ambasciatore di Filippo II a Elisabetta (1574 e 1578) e risiedette lungamente in Francia, sempre ambasciatore di Filippo II, durante le guerre civili e l'assedio messo a Parigi da Enrico di Navarra. Espugnata la città, dove aveva aiutato i leghisti con le armi e col danaro, ne uscì a capo di 200 tedeschi la notte del 3 gennaio 1591.

OpereModifica

Durante la sua permanenza in Francia scrisse una Harangue au roi chrétien faite à Chartres par mons. l'ambassadeur pour le roi d'Espagne vers sa Majesté (Parigi 1588). Al ritorno in patria, pubblicò una Teorica y practica de la guerra (Madrid 1595-Venezia 1596; tr. ingl. Theorique and practise of warre, 1597), piena di saggi consigli di arte militare. Scrisse inoltre versi latini non spregevoli e una traduzione dell'opera di Giusto Lipsio, Politicorum sive civilis doctrinae, lib. VI.[1] La sua corrispondenza diplomatica e le istruzioni per l'ambasciata in Inghilterra sono pubblicate in Documentos inéditos para la historia de España, XCI e XCII. Ma la sua fama è legata soprattutto ai Comentarios de lo sucedido en las guerras de los Países Bajos desde el año 1567 hasta el de 1577 (Madrid 1592), ristampati in Historiadores de sucesos particulares, II, 1853; e in Biblioteca de Autores Españoles, XXVIlI. I Commentari - precisi nelle informazioni, semplici nella forma, acuti nelle osservazioni - nettamente distinti dalla storiografia umanistica del tempo, retorica e tronfia - costituiscono una delle migliori fonti per la ricostruzione della storia della rivolta dei Paesi Bassi; e molto vi attinse il cardinale Guido Bentivoglio. Bernardino de Mendoza è anche autore di Odas a la conversión de un pecador (post., 1779).

NoteModifica

  1. ^ (ES) Giusto Lipsio, Los seys libros de las politicas o Doctrina ciuil de Iusto Lipsio: que siruen para el gouierno del Reyno o Principado, traduzione di Bernardino de Mendoza, Madrid, en la Imprenta Real, 1604.

BibliografiaModifica

  • Juan Catalina García y López, in Biblioteca de escritores de la provincia de Guadalajara, 1899;
  • Alfred Morel-Fatio, D. Bernardino de Mendoza: La vie, ecc., in Bulletin Hispanique, VIII (1906), pp. 20, 129;
  • Eduard Fueter, Histoire de l'Historiographie, trad. Jeamaire, Parigi 1914, pp. 156, 193 segg.
  • Miguel Cabañas Agrela (ed.), Bernardino de Mendoza, un escritor soldado al servicio de la monarquía católica (1540-1604), Diputación de Guadalajara: 2001.
  • De Lamar Jensen, Diplomacy and Dogmatism: Bernardino de Mendoza and the French Catholic League, Cambridge MA 1964.
  • (ES) Antonio Herrera Casado, Bernardino de Mendoza, in Torre de los Lujanes, vol. 9, n. 13, 1989, pp. 30-45, ISSN 1136-4343 (WC · ACNP).
  • (EN) editor3Janet Pérez, Mendoza, Bernardino de, in Germán Bleiberg e Maureen Ihrie (a cura di), Dictionary of the Literature of the Iberian Peninsula, vol. 2, Greenwood Publishing Group, 1993, p. 1068, ISBN 9780313287329.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN165808 · ISNI (EN0000 0000 6632 1203 · BAV 495/219183 · CERL cnp01367230 · LCCN (ENno91021989 · GND (DE128465085 · BNE (ESXX1144613 (data) · BNF (FRcb134958058 (data) · J9U (ENHE987007383161505171 · WorldCat Identities (ENlccn-no91021989