Apri il menu principale
Bratica
StatoItalia Italia
RegioniEmilia-Romagna Emilia-Romagna
ProvinceParma Parma
Lunghezza14 km
Portata media1,01 m³/s
Bacino idrografico31,7 km²
Altitudine sorgente1 600 m s.l.m.
NasceMonte Navert
44°23′56.76″N 10°03′57.96″E / 44.3991°N 10.0661°E44.3991; 10.0661
SfociaParma presso Corniglio (PR)
44°28′58.8″N 10°05′34.8″E / 44.483°N 10.093°E44.483; 10.093Coordinate: 44°28′58.8″N 10°05′34.8″E / 44.483°N 10.093°E44.483; 10.093

Il Bratica è un torrente dell'Italia settentrionale, lungo 14 km, affluente di destra del torrente Parma. Si sviluppa per intero all'interno della provincia di Parma, nella zona dell'alto appennino, in Emilia-Romagna.

Corso del torrenteModifica

Il Bratica nasce dai contrafforti nord occidentali del monte Navert, ad una quota di circa 1600 m.s.l.m, all'interno di una fitta faggeta. Scorrendo in direzione est riceve il rio delle Cave in sinistra idraulica e il rio Navert in destra.[1]

Da qui scorrendo sempre in una valle boscosa si dirige verso nord ricevendo il contributo dei rii della Costa, di Val Soriano e Grosso. In questo tratto il Bratica, che si presenta con un letto piuttosto contenuto e fortemente ciottoloso, bagna Riano che rimane in sinistra e Casarola che rimane in destra, di fronte alla quale riceve in sinistra il rio Canalaccio e Lavacelli.[1]

Dirigendosi ora verso nord il Bratica riceve in destra il rio della Chiosa e il rio della Bora mentre in sinistra riceve il rio Acquabella. Lasciatasi Grammatica a sinistra, il torrente entra in una gola piuttosto stretta ma sempre densamente boscata, ricevendo i contributi di numerosi altri rii, da destra infatti si immettono: il rio Montebello, Vangara e Fontanabona mentre a sinistra confluiscono il rio Fadebbia, del Pozzolo e delle Piane.[1] Dopo aver bagnato le località di Sivizzo e Bellasola, il greto del torrente si fa più ampio anche se la valle percorsa rimane scoscesa e verdeggiante. Il Bratica con andamento serpeggiante e alimentato da altri piccoli rii che confluiscono da ambo i lati della valle giunge a bagnare Corniglio passando a est dello sperone di roccia su cui sorge il paese, quindi ricevuto l'ultimo affluente, il rio Terra Rossa, il torrente confluisce nel suo referente idraulico, torrente Parma, in destra, in località Migliarina.[1]

La valle percorsa dal torrente, chiamata Val Bratica appunto, è ricca di boschi di castagni e meta di cercatori di funghi oltre che apprezzata destinazione per il turismo estivo.

Regime idrologicoModifica

Il Bratica presenta il regime idrologico tipico dei torrenti del tratto dell'alto appennino, con accentuate magre estive e piene autunnali. La sua portata media di 1,01 m³/s mentre il bacino idrografico è di  31.7 km².[2] 

NoteModifica

  1. ^ a b c d GeoViewER - Visualizzatore Cartografico Emilia-Romagna — GeoER, su geoportale.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  2. ^ Piano Acque 2015 (PDF), su adbpo.it.

Voci correlateModifica

  Portale Parma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Parma