Apri il menu principale

Buchis

manifestazione della deificazione del "Ka" della divinità egizia Montu
V28pwAa5E1
Buchis
in geroglifici
Bassorilievo raffigurante il toro Buchis.

Nell'ambito della religione egizia Buchis (scritto anche "Bakh" e "Bakha") era la manifestazione della deificazione del "Ka", l'antico concetto egizio dell'Anima (potere/forza vitale) della divinità della guerra Montu[1], venerata nella regione di Ermonti.

Stele egizia commemorativa concernente la morte di un Buchis, risalente al regno di Tiberio.

Veniva scelto, almeno a partire dall'XI dinastia egizia, un toro selvatico bianco col muso nero - quindi sacro - il quale fungeva da incarnazione di Buchis. Nel corso del tempo, i criteri per la scelta del toro sono divenuti sempre più rigidi; quando poi questi tori e le loro madri (considerate aspetti di Hathor) morivano di vecchiaia, venivano mummificati e collocati in un cimitero speciale conosciuto come il "Bucheum".

Infine Buchis è stato identificato come una forma di Api; conseguentemente venne considerato sempre più incarnazione di Osiride. L'ultima sepoltura di un toro-Buchis nel Bucheum di Ermonti risale al 340 d.C.[2][3]; mentre il culto del Toro in questa forma è durato all'incirca fin verso il 362, quando venne infine annientato dal crescente cristianesimo oramai dominante nell'impero romano.

Il Bucheum venne rinvenuto nel 1927 da sir Robert Mond e da UB Emery; pare avesse inoltre anche un oracolo: Macrobio ci dice infine che ogni volta cambiava colore.

Indice

NoteModifica

  1. ^ W. Max Muller, Egyptian Mythology, Kessinger Publishing 2004, p.160
  2. ^ David Frankfurter, Religion in Roman Egypt: Assimilation and Resistance, Princeton University Press 1998, p.72
  3. ^ M. W. Daly, Carl F. Petry, The Cambridge History of Egypt, Cambridge University Press 1998, p.28

BibliografiaModifica

  • Muller, W. Max, Egyptian Mythology, Kessinger Publishing, 2004, ISBN 0-7661-8601-6.
  • Frankfurter, David, Religion in Roman Egypt: Assimilation and Resistance, Ed. Princeton University Press, 2000, ISBN 0-691-07054-7.
  • Daly, M. W. y Petry, C. F., The Cambridge History of Egypt, Ed. Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-521-47137-0.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN10940625 · GND (DE130012785 · CERL cnp00646928 · WorldCat Identities (EN10940625
  Portale Antico Egitto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antico Egitto