Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Buffet (disambigua).
The Buffet (Jean-Louis Forain)

Buffet (pronuncia francese /byfe/; pronuncia italianizzata /bufˈfɛ/) è un termine francese di etimo incerto originario del XVIII secolo, il quale indicava originariamente il mobile[1] sul quale erano disposte le vivande, in modo ben visibile ai consumatori.

In tempi più recenti questo tipo di arredamento ha cominciato ad essere poco frequente nelle abitazioni e relegato all'ambito ristorativo, perciò la parola buffet ha cominciato ad essere usata non più per indicare l'arredamento ma per designare la disposizione delle portate e del servizio agli ospiti, in cui il cibo è posto in un'area pubblica dove i commensali si servono da soli, scegliendo secondo preferenza cosa consumare.[2]

Il mobile: buffet e controbuffetModifica

 
Tavolo da buffet anni trenta in stile Art déco.

Arredo che iniziò ad essere introdotto nelle case a partire dal XVIII secolo, era posto nella sala da pranzo ed era costituito da un mobile con una spaziosa superficie che veniva apparecchiata disponendo le vivande su vassoi e piatti da portata. Il mobile poteva essere abbinato ad un secondo, di foggia similare e definito controbuffet, che faceva da riscontro al buffet vero e proprio riprendendone le fogge in dimensioni minori. A volte buffet e controbuffet erano provvisti di specchiera o solo uno dei due.[3]

I materiali di fabbricazione erano di legno con i ripiani d'appoggio in pietra, marmo, vetro, specchio o altro. La loro estetica ha seguito le mode dei periodi nei quali è stato impiegato. Successivamente furono introdotti anche materiali più moderni come plastica e melamminico.

Il servizio a buffetModifica

 
Servizio a buffet dove gli ospiti si servono autonomamente.

Il nome deriva da quello del mobile dove erano disposti i piatti da consumare, dal quale ha traslato il significato, anche se solo di recente ha iniziato ad identificare il modo di presentare il cibo e non più il supporto. In questo tipo di servizio i commensali possono vedere direttamente il cibo e immediatamente scegliere quali piatti si desiderano consumare, e quindi anche quanto cibo prendere.

Come l'arredo omonimo, questo tipo di servizio prese piede nel Settecento e rimase in voga per tutto l'Ottocento e il Novecento fino ad oggi, variando principalmente le pietanze offerte, adattandosi bene alle circostanze sociali più affollate. È storicamente "a buffet" la colazione del servizio all'inglese nelle case delle classi più abbienti, mentre pranzi e cene erano invece serviti da camerieri al tavolo.

I buffet possono contemplare sia piatti caldi sia freddi e di solito comportano l'utilizzo di posate, ma esiste anche la possibilità di un "buffet a dito" (finger food), dove, solo per una serie di alimenti, si riesce a consumarli con una mano sola, come ad esempio fette di pizza, piccole tartine e crostini, salumi vari, ecc.

L'uso di buffet è utile quando bisogna servire un gran numero di persone tutte assieme, come in contesti istituzionali, convention aziendali o grandi feste. Alcuni esercizi commerciali sono specializzati in un servizio a buffet e offrono solitamente un menù a prezzo fisso secondo la formula "a volontà" (in inglese "all-you-can-eat", che significa "tutto quello che puoi mangiare").

NoteModifica

  1. ^ Può essere accostato al significato di credenza ma non dispone di una parte alta dove vengono riposte le stoviglie.
  2. ^ Buffet, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 2 aprile 2019.
  3. ^ Contro-buffet, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 2 aprile 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85017647
  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina