Apri il menu principale

Buffet Crampon

società francese
Buffet Crampon
Logo
Signature BC 2015.png
StatoFrancia Francia
Fondazione1825 a Parigi
Fondata da
Sede principaleMantes-la-Ville
GruppoBuffet Group
Filiali
  • Buffet Group China
  • Buffet Group Deutschland GMBH
  • Buffet Group Japan
  • Buffet Group USA
Persone chiaveJérôme Perrod
SettoreMusicale
Prodottistrumenti musicali a fiato
Sito web

Buffet Crampon, spesso scritta anche Buffet & Crampon, è una società francese fondata nel 1825 specializzata nella produzione e vendita di strumenti musicali a fiato, soprattutto clarinetti, sassofoni, flauti, oboi e fagotti.

L'azienda ha sede a Mantes-la-Ville (proprio come la Henri Selmer Paris) e fa parte del Buffet Group.

StoriaModifica

La società è stata fondata nel 1825 da Denis Buffet-Auger e da Zoé Crampon, moglie di Jean-Louis Buffet, figlio di Denis. Il marchio stesso deriva dai cognomi dei due fondatori. Il loro primo laboratorio aveva sede a Parigi e produceva clarinetti per uso professionale.

In collaborazione con il virtuoso Hyacinthe Klosé e Auguste Buffet, un altro membro della famiglia, si effettuarono una serie di studi volti ad adattare al clarinetto il sistema di chiavi e anelli mobili progettati da Theobald Boehm per il flauto. Questo sistema, brevettato nel 1843 è stato così all'origine del sistema Böhm moderno, diffuso in Europa e in tutto il mondo, ad eccezione di Austria e Germania, dove è predominante la meccanica con sistema Oehler (da Oskar Oehler).

Nel 1850, la società si sposta, stabilendo la propria sede a Mantes-la-Ville. A partire da questo momento l'azienda inizia ad espandere la propria gamma di prodotti, iniziando dal 1866 a produrre anche sassofoni (strumento inventato nel 1840) e vincendo numerosi riconoscimenti. A partire dall'inizio del '900 la società ha iniziato a mettere radice anche nel mercato statunitense.

 
Logo Green Line

Dal 1994 Buffet Crampon, per andare incontro alla sempre più scarseggiante disponibilità di legno ed anche per questioni ambientalistiche e di inquinamento, ha brevettato, in alternativa al legno di grenadilla (Dalbergia melanoxylon), un materiale composito ad alte prestazioni per la produzione di clarinetti e oboi chiamato Green LinE. Questo è formato per il 95% dallo scarto polverizzato di grenadilla derivante dal normale processo di fabbricazione degli strumenti, al quale viene aggiunto fibra di carbonio. I componenti vengono in seguito pressurizzati per ottenere un impasto omogeneo e liscio, senza la presenza di solchi e venature tipiche del legno. Il Green LinE conserva le stesse preziose caratteristiche acustiche della grenadilla naturale (sebbene alcuni "puristi" non sono d'accordo su questa affermazione) e al contempo risulta più stabile agli sbalzi di temperatura e umidità e agli agenti atmosferici, limitando se non azzerando il rischio di crepe e scanalature nel materiale.

ProdottiModifica

 
Un clarinetto in Si♭ RC Prestige

ClarinettiModifica

A partire dalla metà del XX secolo Buffet Crampon ha rilasciato diverse linee di clarinetti che partono da modelli da studio fino a modelli per uso professionale. Lo sviluppo di nuovi modelli ha talvolta portato alla sospensione della produzione di vecchie linee di modello.

I modelli da studio sono solitamente in ABS, passando poi a legno grenadilla (Dalbergia melanoxylon), di varia selezione e stagionatura, man mano che aumenta il prestigio del modello. Anche la qualità delle chiavi, il materiale con cui sono realizzate, l'assemblaggio, la meccanica e l'ergonomia migliorano man mano con i modelli più avanzati.

Per alcuni modelli professionali sono disponibili anche alcune opzioni, tra cui chiavi dorate, argentate o in nichel, l'opzione Green LinE, diversi tagli di intonazione (440 Hz o 442 Hz) e la richiesta di leve aggiuntive nella meccanica.

Da studioModifica

Modello Attualmente in produzione Tagli disponibili Materiale Note
Evette No Legno grenadilla Sostituito dal B12
B10 No Si♭ ABS
B12 No Si♭ ABS
Prodige Si

(07/2016-)

Si♭ ABS Ispirato all'E13

IntermediModifica

Modello Attualmente in produzione Tagli disponibili Note
Evette No Sostituito dall'E11
Evette Master Model No Sostituito dall'E12
Evette & Schaeffer No Sostituito dall'E13
Evette & Schaeffer Master Model No
E10 No Come l'E11 ma con una campana più leggera in ABS
E11 Si Mi♭, Do, Si♭, La Prodotto in Cina e Germania; attualmente il modello in legno entry level della casa
E11 France No Prodotto in Cina e Francia; sostituito dall'E12F
E12 No Come l'E11 ma con uno "speciale trattamento del legno per migliorare la qualità del suono"; prima del 1992 era indicato come E45
E12F Si

(09/2012-)

Si♭ Prodotto in Francia e Germania
E13 Si Si♭ Prodotto in Cina e Francia; sono degli R13 che vengono scartati nel processo di assemblaggio per dei piccoli problemi di fabbricazione; conosciuto anche come Limité

Semi-professionali e professionaliModifica

Per i clarinetti professionali occorre fare una distinzione, in quanto sono divisi in tre famiglie che si sviluppano parallelamente: R13, RC e Tradition. Queste famiglie si differenziano per la sezione interna e la forma esterna del barilotto e della campana, per la sezione del canneggio interno del corpo centrale e per la posizione millimetricamente differente dei fori delle chiavi, talvolta anche rialzati rispetto al corpo, differenze che conferiscono una diversa risposta dello strumento all'emissione e all'intonazione.

  • La famiglia degli R13 è nata nel 1955 ad opera di Robert Carrée che creò appunto l'R13 e al quale diede il suo nome. Questa famiglia presenta un canneggio poli-cilindrico che consiste in vari cilindri che si riducono di dimensione. Hanno un suono leggermente più luminoso ed incisivo, più lungo e stretto e sono intonati a 440 Hz (sebbene il Festival e il Tosca dispongano in confezione di un secondo barilotto che li intona a 442 Hz). Sono i clarinetti più comunemente usati in America, Giappone e recentemente nel Regno Unito ed attualmente è composta da (in ordine di prestigio crescente): R13, Festival, Vintage, R13 Prestige (questi tre sono di pari prestigio) e Tosca.
  • La famiglia degli RC è nata nel 1975 con l'uscita dell'RC, chiamato così in onore di Robert Carrée, il quale però non c'entrava nulla con il suo sviluppo. Questa famiglia presenta un canneggio poli-cilindrico simile se non uguale a quello degli R13 nella parte centrale dello strumento, ma più conico nella sezione inferiore, dove si va a raccordare con la campana, la quale ha infatti un innesto più largo producendo un effetto "megafono". Hanno un suono leggermente più rotondo e dolce, più uniforme, largo e aperto e sono intonati a 442 Hz (sebbene l'RC e il Divine dispongano in confezione di un secondo barilotto che li intona a 440 Hz, mentre l'RC Prestige in Si♭ e La sono acquistabili in versione a 440 Hz). Sono i clarinetti più comunemente usati in Europa ed attualmente è composta da (in ordine di prestigio crescente): RC (di prestigio leggermente superiore all'R13), RC Prestige (di prestigio pari all'R13 Prestige e agli altri due) e Divine (di prestigio superiore al Tosca).
  • La famiglia dei Tradition è nata nel gennaio 2016 con l'uscita del Tradition, sviluppato da un team di musicisti francesi ed americani. Questa famiglia, a differenza delle prime due, presenta un canneggio cilindrico, ispirandosi ai clarinetti costruiti prima degli anni '50 (e quindi all'avvento del metodo poli-cilindrico brevettato da Carrée), in particolar modo al BC20, uno dei primi moderni clarinetti professionali dell'azienda. Il posizionamento dei fori è ispirato a quello del Tosca. Hanno un suono più tradizionale ma con il giusto connubio di modernità e tecnologia e sono venduti con due barilotti in modo da poter scegliere intonazione fra 440 e 442 Hz. La famiglia è attualmente composta da (in ordine di prestigio crescente): Tradition (di prestigio pari ai due Prestige e agli altri due) e Légende (di prestigio pari al Tosca).
Modello Famiglia Attualmente in produzione Tagli disponibili Disponibile anche in Green LinE Note
International - No No Modello semi-professionale entry level; conosciuto anche come C13
Conservatoire - Si

(1984-1992, poi ripreso)

Si♭ No Modello semi-professionale; conosciuto anche come C12
R13 R13 Si

(1955-)

Mi♭, Si♭, La Si

(Si♭, La)

Modello professionale più famoso, chiamato così dal suo creatore Robert Carrée
S1 R13 No

(1960-1985)

No Modello professionale della famiglia degli R13 ed equivalente all'R13; manufatto negli anni '70 e i primi anni '80; progettato per avere una rastremazione inversa del barilotto ed un canneggio interno più tradizionale, simile ai primi R13 degli anni '50; sostituito dal Vintage
Elite R13 No

(1980-2002)

No Modello professionale della famiglia degli R13; gli anelli di giunzione erano fatti di fibra di policarbonato che gli conferivano un look total black; sostituito dal Tosca
R13 Prestige R13 Si

(1985-)

Si♭, La No Modello professionale della famiglia degli R13; ha un legno più selezionato e la maggior densità (come il Festival) gli conferisce un suono più scuro, inoltre presenta un canneggio più stretto che restituisce un suono più centrato
Festival R13 Si

(1987-)

Si♭, La Si

(Si♭, La)

Modello professionale della famiglia degli R13; ha un legno più denso e la chiave di registro è più alta di 1 mm; sviluppato nel 1987 con il supporto di Jacques Lancelot, Guy Deplus e Michel Arrignon; viene chiamato anche R13 Festival
Vintage R13 Si

(1996-)

Si♭, La No Modello professionale della famiglia degli R13 che sostituisce l'S1 e come questo ha un canneggio più vicino agli originali R13 che "riporta alla mente le influenze e i colori degli anni '50"; sviluppato e perfezionato da René Lesieux; viene chiamato anche R13 Vintage
Tosca R13 Si

Si♭ e La (2004-);

Mi♭ (2010-)

Mi♭, Si♭, La Si

(Mi♭, Si♭, La)

Modello professionale della famiglia degli R13, di cui rappresenta il modello di punta; le chiavi hanno una forma unica ed ergonomica, gli anelli di giunzione hanno un nuovo design; presenta un'innovativa chiave di correzione del Fa grave; progettato da Michel Arrignon
RC RC Si

(1975-)

Mi♭, Si♭, La Si

(Si♭)

Modello professionale equivalente all'R13, ma con delle migliorie riguardanti specialmente il barilotto, la campana e il canneggio interno, che gli conferiscono un suono più scuro e dolce e che lo portano a creare una nuova famiglia di clarinetti, quella degli RC; sviluppato nel 1974, è stato oggetto di restyling nel 2014 dopo dieci anni di sviluppo per migliorarne l'intonazione e la qualità sonora oltre che estetica e meccanico-funzionale; è chiamato così in onore di Robert Carrée
RC Prestige RC Si

(1976-)

Mi♭, Re, Do, Si♭, La Si

(Mi♭, Si♭)

Modello professionale della famiglia degli RC, evoluzione dell'RC; pari all'R13 Prestige per materiali e meccanica, ma facente parte di una diversa famiglia
Divine RC Si

(03/2012-)

Si♭, La No Modello professionale della famiglia degli RC, di cui rappresenta il modello di punta, oltre ad essere il top di gamma dell'intera azienda; gli anelli di giunzione sono sostituiti da fili di carbonio che conferiscono un look total black oltre ad alleggerire lo strumento di 60 g consentendo al legno di vibrare maggiormente, così come i sugheri sono stati sostituiti da un materiale sintetico; i fori superiori del pezzo superiore sono in Green LinE, per prevenire rischi di crepe laddove il legno è più sottile e fragile; la forma arrotondata e morbida delle chiavi è ripresa dal Tosca, sebbene la loro impugnatura sia standard e non ergonomica come quest'ultimo (per andare incontro alle diverse esigenze dei musicisti) e come in quest'ultimo è presente la chiave di correzione del Fa e il medesimo posizionamento dei fori
Tradition Tradition Si

(01/2016-)

Si♭, La No Modello professionale che va a costituire una terza e nuova famiglia di clarinetti, quella dei Tradition, che si caratterizzano per il canneggio cilindrico anziché poli-cilindrico (quest'ultimo sviluppato da Robert Carrée per Buffet Crampon, introdotto con l'R13 nel 1955 ed usato fino ad oggi); rievocando il suono "puro" dello storico modello BC20 degli anni pre-'50 e con un posizionamento dei fori ispirato a quello del Tosca, offre un connubio tra antico e moderno; progettato da un team di musicisti francesi ed americani
Légende Tradition Si

(07/2017-)

Si♭, La Si

(Si♭, La)

Modello professionale della famiglia dei Tradition, di cui rappresenta il modello di punta; presenta un'esclusiva forma ergonomica degli anelli, chiave di correzione del Fa e i fori superiori del pezzo superiore sono in Green LinE come quelli del Divine, per prevenire rischi di crepe

Altri clarinettiModifica

Questi clarinetti sono prodotti come serie Prestige e si fa riferimento a loro come Harmony Clarinets.

  • Clarinetto di bassetto in La - discendente al Do basso
  • Corno di bassetto in Fa
  • Contralto in Mi♭
  • Contrabbasso in Mi♭ ("contra-alto")

Clarinetti bassiModifica

Modello Nome Discendenza Attualmente in produzione Disponibile anche in Green LinE
1180 - Mi♭ Si No
1183 Prestige Mi♭ Si Si
1193 Prestige Do Si Si
1195 Tosca Do Si

(2014-)

No

SassofoniModifica

Buffet Crampon ha iniziato la produzione di sassofoni nel 1866, 20 anni circa dopo l'invenzione dello stesso da parte di Adolphe Sax, divenendo il secondo produttore di sassofoni. Attualmente vengono prodotte tre serie di sassofoni.

Serie 100Modifica

Si tratta di una serie da studio dedicata ai principianti.

  • Serie 100 - Sassofono contralto, laccato.
  • Serie 100 - Sassofono tenore, laccato.

Serie 400Modifica

Si tratta di una serie intermedia / semiprofessionale.

  • Serie 400 - sassofono contralto, laccato o opaco.
  • Serie 400 - sassofono tenore, laccato o opaco.
  • Serie 400 - sassofono baritono, laccato o opaco.

SenzoModifica

Serie professionale e modello di punta tra i sassofoni del marchio.

  • Senzo - sassofono contralto, laccato o ramato o opaco.

FlautiModifica

Originariamente i flauti Buffet Crampon erano prodotti a Parigi, ma nel 1981 la società è stata acquistata da Boosey & Hawkes e la loro produzione si spostò in Inghilterra e Germania. Nel 2005 la società ha acquisito il marchio Boosey & Hawkes, riportandone la produzione in Francia.

I moderni flauti Buffet Crampon utilizzano la scala Cooper (da Albert Cooper).

Serie 200Modifica

  • 225 - Argentato, chiavi chiuse
  • 227 - Argentato, chiavi aperte
  • 228 - Argentato, chiavi chiuse

Serie 6000Modifica

Si tratta di una rivisitazione della serie 200, migliorandone alcune qualità

  • 6010 - Argentato, chiavi chiuse
  • 6020 - Argentato, chiavi chiuse
  • 6040 - Argentato, chiavi aperte
  • 6050 - Argentato, chiavi aperte

Serie 7000Modifica

Modelli semiprofessionali e professionali con corpo e testate placcate in argento.

  • 7010 - Placcato argento, chiavi chiuse
  • 7020 - Placcato argento, chiavi chiuse
  • 7040 - Placcato argento, chiavi aperte
  • 7050 - Placcato argento, chiavi aperte

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN311358227 · LCCN (ENno2018138337 · WorldCat Identities (ENno2018-138337