Buteo rufofuscus

specie di uccello
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Poiana sciacallo
Buteo rufofuscus -Itala Game Reserve, KwaZulu-Natal, South Africa -flying-6.jpg
Buteo rufofuscus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Accipitriformes
Famiglia Accipitridae
Sottofamiglia Buteoninae
Genere Buteo
Specie B. rufofuscus
Nomenclatura binomiale
Buteo rufofuscus
Forster, 1798

La poiana sciacallo (Buteo rufofuscus Forster, 1798) è un grande uccello rapace appartenente alla famiglia Accipitridae.[2]

DescrizioneModifica

Gli esemplari adulti presentano un piumaggio rossiccio all'altezza della schiena, il colore delle ali è rossastro nella parte superiore e bianco-nero in quella inferiore. La coda è dotata di piume lunghe fino a 7 cm di colore giallastro. Le femmine sono più grandi dei maschi. Il verso di questa specie è simile a quello di uno sciacallo, da qui il nome "poiana sciacallo".[senza fonte]

BiologiaModifica

RiproduzioneModifica

Nella stagione riproduttiva i maschi diventano particolarmente pericolosi, poiché le femmine vanno in estro. Queste ultime costruiscono il nido con sassi e foglie, anche in rami isolati e alti fino a 300 m d'altezza[senza fonte], per proteggere le uova da predatori quali babbuini e leopardi. Una singola nidiata conta fino a 7 uova, dalle quali di solito non nascono più di 5 piccoli.[senza fonte]

AlimentazioneModifica

Si nutre di varie specie di roditori, rettili e pesci, a volte anche di passeri, anche se si tratta di casi rari.[senza fonte]

Distribuzione e habitatModifica

ConservazioneModifica

Visto il vasto areale[Quale?], l'abbondanza di prede e la mancanza di predatori naturali, la IUCN Red List classifica Buteo rufofuscus come specie a rischio minimo (Least Concern).[1]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) BirdLife International 2016, Buteo rufofuscus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 22 settembre 2018.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Accipitridae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 2018.

Altri progettiModifica

  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli