Cadamosto Seamount

Cadamosto
StatoCapo Verde Capo Verde
Altezza−1 500 m s.l.m.
Coordinate14°40′N 24°55′W / 14.666667°N 24.916667°W14.666667; -24.916667
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Capo Verde
Cadamosto
Cadamosto

Il Cadamosto Seamount è una montagna sottomarina situata nell'Oceano Atlantico, appena 20 km a sudovest dell'isola Brava, Capo Verde.

È stato così denominato in ricordo di Alvise Da Mosto, detto Cadamosto, un esploratore veneziano che esplorò Capo Verde nel 1456.

Geografia e geologiaModifica

La montagna sottomarina si trova all'estremità orientale del Cape Verde Rise, vicino al Bacino di Capo Verde. Forma una parte della piattaforma Fogo-Brava che include anche gli isolotti aridi chiamati Ilhéus Secos.
La base del vulcano parte dal fondale oceanico, 4.400 m al di sotto del livello del mare. La cima appiattita raggiunge i 2.900 m al di sotto della superficie del mare, mentre il picco più alto si eleva fino a 1.500 m al di sotto del mare.

Le formazioni rocciose sono composte di fonolite e in parte di nefelina cristallizzata. Altre rocce includono pirosseno, titanite, apatite e feldspato.[1]

Il magma vulcanico ha un rapporto di 19,5 tra gli isotopi 206Pb/204Pb del piombo, moderatamente impoverito rispetto al mantello terrestre, con un'alta componente di εNd.[2]

TerremotiModifica

Tra il 1998 e il 2004 una serie di terremoti ha scosso l'isola Brava. L'ultimo sisma ha avuto una magnitudine di 4,3 sulla scala Richter.[3]

NoteModifica

  1. ^ K. Abigail Barker, Magmatic Evolution of the Cadamosto Seamount, Cape Verde. Beyond the Spatial Extent of EM1, in Contributions to Mineralogy and Petrology, vol. 163, n. 6, 2011, pp. 949–955, DOI:10.1007/s00410-011-0708-2.
  2. ^ Bernard Dupré e Claude J. Allére, Pb-Sr-Nd Isotopic Correlation and the Chemistry of the North Atlantic Mantle, su nature.com, vol. 286, Nature, 1980, pp. 17–22, DOI:10.1038/286017a0. URL consultato il 3 novembre 2016.
  3. ^ Ingo Grevemeyer, Seismic Activity at Cadamosto Seamount near Fogo Island, Cape Verdes — Formation of a New Ocean Island?, vol. 180, n. 2, Geophysical Journal International, 2010, pp. 552–558, DOI:10.1111/j.1365-246X.2009.04440.x.

Voci correlateModifica