Apri il menu principale
Cambise II
Stela Cambyses Apis closeup.jpg
Cambise II raffigurato come faraone egizio, in venerazione di un toro Apis.
Gran Re di Persia
Incoronazione 529 a.C.
Predecessore Ciro II
Successore Dario I
Re dell'Alto e Basso Egitto
Incoronazione 525 a.C.
Predecessore Psammetico III
Successore Petubastis III
Morte 522 a.C.
Dinastia Dinastia achemenide;
XXVII dinastia egizia

Cambise II (in greco: Καμβύσης, Kambýsēs; in persiano antico: Kambūjia; ... – 522 a.C.) è stato un re achemenide dell'Impero persiano dal 529 a.C. fino alla morte, nonché re d'Egitto, dal 525 a.C., con il nome di Mesutira Kamebet.

Indice

Re di PersiaModifica

Figlio di Ciro il grande, fu nominato reggente nel 529, col titolo di re di Babilonia. Alla morte del padre, avvenuta nello stesso anno, divenne re di Persia, continuando l'opera paterna di consolidamento dell'impero. Prima di partire per la spedizione contro l'Egitto, fece uccidere di nascosto il fratello Bardiya (meglio conosciuto con il nome greco di Smerdi), temendo che potesse usurpare il regno durante la sua assenza.

Nel frattempo, in patria, un sacerdote di nome Gaumata, tentò di impadronirsi del trono affermando di essere lo scomparso fratello del re. Cambise morì durante il viaggio di ritorno verso Susa.

Re d'EgittoModifica

Mesutira Kamebet è il nome egizio assunto da Cambise II, dopo la conquista dell'Egitto, che governò dal 525 a.C. al 522 a.C. Nella lista di Manetone è indicato come il primo sovrano della XXVII dinastia.

Eventi storiciModifica

Dopo aver sconfitto, nel 525 a.C., l'ultimo sovrano della XXVI dinastia, Psammetico III, grazie anche alla collaborazione del generale greco Fanes, che in precedenza aveva disertato dall'esercito egizio, Cambise occupò tutto l'Egitto giungendo fino al confine con la Nubia. Pur essendosi incoronato re dell'Egitto, adottando la completa titolatura reale, considerò la sua conquista come una satrapia dell'impero persiano e ne affidò il governo al satrapo Aryandes anche per potersi dedicare a tre progetti militari che dovevano avere come base di partenza l'Egitto stesso: la conquista della Nubia, una spedizione verso le oasi occidentali del deserto libico e la conquista di Cartagine.

Le prime due imprese fallirono probabilmente a causa della scarsa conoscenza del territorio e la terza non ebbe neppure inizio a causa del rifiuto dei marinai fenici, che non vollero armare la flotta persiana per attaccare una città di origine fenicia. Secondo lo storico greco Erodoto in seguito a questi fallimenti il re persiano impazzì iniziando a comportarsi con efferata crudeltà e giungendo a uccidere con le proprie mani il sacro toro Api. Queste notizie, anche se confermate in parte da un testo ebraico, sono probabilmente affette da una certa parzialità a causa della visione anti-persiana dello storico greco.

Alcuni dati archeologici sembrano smentire Erodoto: il fastoso sarcofago, conservato nel Serapeo di Saqqara, che Cambise stesso dedicò al toro Api morto durante il suo regno e una statua dovuta a Udjahorresne, un funzionario egizio che si era messo al servizio dei persiani. Nell'iscrizione, Udjahorresne, Capo del palazzo e Sovrintendente alla flotta sotto Amasis e Psammetico III afferma di aver preparato la titolatura reale per Cambise e di averlo convinto a onorare la dea Neith di Sais. Nel 522 a.C. Cambise fu costretto a partire dall'Egitto per ritornare a Susa a causa di un complotto ordito contro di lui. Morì, in circostanze non del tutto chiare, durante il viaggio.

TitolaturaModifica

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
 
ḥr Horo
  
 
 
sm3 t3wy Smatawy Colui che unisce le Due Terre
 
nbty (nebti) Le due Signore
 
ḥr nbw Horo d'oro
 
 
 
 
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
 
    
 
ms w ti r՚ Mesutira Discendente di Ra
  
s3 Rˁ Figlio di Ra
 
     
 
 
k m b t Kamebet

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN69725750 · GND (DE118800582 · CERL cnp00986106