Apri il menu principale

Campo di Piazza d'Armi (Avellino)

Campo di Piazza d'Armi
Campo sportivo Piazza d'Armi.jpg
Il campo di Piazza d'Armi con alle spalle il carcere borbonico.
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazionePiazza d'Armi, Avellino
Ristrutturazione1933
Uso e beneficiari
CalcioAvellino
(1912-1929; 1933-1970)
Capienza
Posti a sedere500 circa

Il campo di Piazza d'Armi di Avellino è stato un campo di calcio a 11 con sede nel capoluogo irpino nella zona di piazza d'Armi. Fu dunque un terreno di gioco dell'Avellino[1].

StoriaModifica

In piazza d'Armi, nel centro della città, venivano abitualmente effettuate esercitazioni e addestramenti dei militari appartenenti al Regio Esercito e, quando possibile, la stessa area veniva utilizzata dai primi calciatori avellinesi. Soltanto nel 1919 l'ingegnere irpino Antonio Giammarino, di ritorno da Genova, in quegli anni città all'avanguardia nel gioco del calcio, si preoccupò di regolamentare e allestire una squadra che elesse come proprio terreno di gioco la piazza D'Armi[2].

L'ubicazione del rettangolo di gioco era tale che gli abitanti dei palazzi circostanti e i detenuti del vicino carcere borbonico poterono assistere alle partite gratuitamente sino al 1970, anno dell'addio allo storico impianto sportivo per il più capiente Comunale, che poi sarebbe diventato nel 1973 lo stadio Partenio, e nel 2010 lo stadio Partenio-Lombardi.

Per un periodo di quattro anni, dal 1929 al 1933, l'Avellino ha giocato le partite casalinghe al campo sportivo del Littorio, per poi fare ritorno al piazza d'Armi rimodernato e dotato di una tribuna con 500 posti a sedere[3].

Il campo di Piazza d'Armi ha ospitato, in totale, 14 stagioni di Serie C e circa 30 stagioni di campionati minori.

NoteModifica

  1. ^ Avellino: una squadra, una storia
  2. ^ Leondino Pescatore, Alfonso Carpenito e Leondino Pescatore, Avellino: una squadra, una storia (1912-1985), Poligrafica Ruggiero Editore, Avellino, 1985
  3. ^ Leondino Pescatore, Avellino che storia, 100 anni da Lupi: dal niente alla serie A", 3 volumi, Lps Editore, Avellino, dicembre 2012

BibliografiaModifica

  • Leondino Pescatore, Avellino che storia, 100 anni da Lupi: dal niente alla serie A", 3 volumi, Lps Editore, Avellino, dicembre 2012
  • Alfonso Carpenito e Leondino Pescatore, Avellino: una squadra, una storia (1912-1985), Poligrafica Ruggiero Editore, Avellino, 1985
  • Leondino Pescatore, AvellinoVanta, 2002.
  • Antonio Scotti, "ForzAvellino: storia e immagini di una squadra di calcio", Nuovedizioni, Napoli, 1986
  • Michele Criscitiello, U.S. Avellino 1912-2009: I nostri segreti, la vostra passione, 2009.