Candelotto di zolfo

Avvertenza
Le pratiche descritte non sono accettate dalla medicina, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute. Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli medici: leggi le avvertenze.

Il candelotto di zolfo (in lingua ligure sorfanetti) è un rimedio popolare ligure per il torcicollo provocato dai colpi d'aria. Pur non avendo alcun riscontro scientifico ufficiale, questa pratica gode tutt'oggi di una certo seguito, e il materiale per metterla in atto è in vendita in diverse farmacie sia a Genova che in altre località liguri.

I candelotti di zolfo, la moneta da 1 euro è come riferimento per le dimensioni
I candelotti di zolfo

I "candelotti" o i "cannelli" sono cilindri di zolfo pressato, lunghi dai 9 ai 10 cm, con un diametro dai 2,5 ai 3 cm e un peso solitamente di poco inferiore ai 100 g. Vengono sfregati o fatti rotolare premendoli sulla parte del corpo dolorante (prevalentemente il collo); dopo pochi attimi lo zolfo emette un leggero crepitio, per spezzarsi tipicamente dopo un paio di minuti di applicazione. Secondo la tradizione le due parti di candelotto così spezzate hanno perso gran parte della loro efficacia e quindi raramente vengono ulteriormente impiegate, mentre se il cannello non si spezza viene impiegato in usi successivi.

FunzionamentoModifica

Chi fa uso di questa pratica in generale non ha una spiegazione univoca circa la sua presunta efficacia:

  • secondo alcuni il giovamento è legato più allo strofinamento in sé che alla scelta dello specifico materiale
  • altri sostengono che lo strofinamento del candelotto assorbirebbe l'elettricità statica presente in caso di dolori o contrazioni muscolari[1]
  • altri forniscono spiegazioni più articolate, sempre facendo riferimento all'elettricità statica e sostenendo che la differenza di potenziale tra i fasci nervosi e lo zolfo possa in qualche modo influire sulla trasmissione del segnale nervoso (tesi pseudoscientifica che non sarebbe difficile classificare come leggenda metropolitana)
  • in altre versioni l'azione benefica del candelotto consisterebbe principalmente nell'assorbire umidità dalla parte strofinata[2], spiegazione che è evidentemente correlata alla credenza popolare (infondata) che i dolori muscolari e reumatici siano causati dall'umidità (e quand'anche fosse, occorre ricordare che lo zolfo è idrofobo).
  • per altri è il calore prodotto dall'attrito dovuto allo strofinamento del candelotto a dare sollievo dal dolore e a provocarne la rottura

DiffusioneModifica

Le origini della pratica del candelotto di zolfo in Liguria sono molto antiche. In passato i candelotti venivano venduti sfusi nelle farmacie e negli empori, ma con la diffusione della medicina alternativa oggigiorno viene proposto anche da negozianti in generale aperti nei confronti di quest'ultima, in confezioni contenenti solitamente da 2 a 4 candelotti. Curiosamente la pratica sembra limitata alla sola Liguria e nel Basso Piemonte, anche se negli ultimi anni tramite i siti web dedicati alle cure alternative la sua notorietà come rimedio per i dolori muscolari è aumentata di molto sul territorio nazionale.

L'emigrazione genovese in Sud America del XIX secolo e XX secolo, ne ha diffuso l'uso anche in zona, specialmente in Argentina (ma secondo alcune fonti il percorso sarebbe stato inverso e in Liguria sarebbero arrivati dai naviganti genovesi che avrebbero appreso del rimedio dai marinai sud-americani).

NoteModifica

  1. ^ CANNELLI DI ZOLFO, su leantichericettedeimonaci.it. URL consultato il 9 settembre 2018.
  2. ^ Cannelli di zolfo FAQ sul rimedio popolare ligure al torcicollo, su tastingtheworld.it. URL consultato il 9 settembre 2018.
  Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Liguria