Capi di Stato di Samoa

lista di un progetto Wikimedia
Capo di Stato di Samoa
Insigne Samoae.svg
Nome originaleO le Ao o le Malo
StatoSamoa Samoa
Tipocapo di stato
In caricaVa'aletoa Sualauvi II
da21 luglio 2017
Istituito1º gennaio 1962

L'O le Ao o le Malo (in samoano: "Capo del governo"; Ao è un titolo generalmente riservato ai capi (matai), mentre malo significa "governo") è il capo di Stato di Samoa.[1][2]

I capi di Stato delle Samoa si sono succeduti dal 1962. Il capo di Stato (in lingua samoana: O le Ao o le Malo) è eletto dal Parlamento ogni cinque anni e scelto all'interno di un gruppo di quattro aristocratici.

L'ufficio è descritto nella parte III della Costituzione samoana del 1960.[3] All'epoca in cui fu adottata la Costituzione, si prevedeva che i futuri capi di Stato sarebbero stati scelti tra i quattro capi tradizionali detti "Tama a 'Aiga". Tuttavia, questo non è richiesto dalla Costituzione, quindi, per questo motivo, Samoa è una Repubblica parlamentare piuttosto che una monarchia parlamentare (come il Regno Unito). Il segretariato stampa del governo descrive l'ufficio di O le Ao o le Malo come un "capo cerimoniale". Il capo di Stato è eletto dall'Assemblea legislativa, il Parlamento del paese, che è quasi interamente composto da capi tribali.

Il capo di Stato samoano gode del titolo di Altezza, così come i capi delle quattro principali dinastie principali.

L'attuale O le Ao o le Malo è Va'aletoa Sualauvi II, che è stato eletto per un mandato di cinque anni iniziato il 21 luglio 2017.

StoriaModifica

Quando Samoa divenne indipendente il 1º gennaio 1962,[4] due dei quattro capi principali (Tama a 'Aiga) - Tanumafili II e Mea'ole - furono nominati congiuntamente e a vita dalla Costituzione del 1960. Ciascuno rappresentava, rispettivamente, i Malietoa e i Tupua Tamasese, "due dei quattro lignaggi principali" di Samoa.[5] Furono conosciuti congiuntamente come "O Ao o le Malo" e singolarmente come "O le Ao o le Malo".[3] Mea'ole morì prematuramente un anno dopo, nel 1963, lasciando Tanumafili II come unico detentore dell'ufficio fino alla sua morte avvenuta nel 2007 all'età di 94 anni.[6][7] Il suo successore Tufuga Efi, già Primo ministro per due mandati, è il figlio maggiore di Mea'ole. Fu eletto dall'Assemblea legislativa di Samoa per un mandato di cinque anni a partire dal 20 giugno 2007[8] e nuovamente nel luglio del 2012 per altri cinque anni. Il 4° e attuale capo di Stato è Tui A'ana Tuimaleali'ifano Va'aleto'a Eti Sualauvi II, pronipote del leader del movimento Mau Tuimaleali'ifano Fa'aoloi'i e nipote del membro del Consiglio dei Deputati Tuimaleali'ifano Suatipatipa II,[9] è succeduto a Tufuga Efi, dopo essere stato eletto dall'Assemblea legislativa per un mandato di cinque anni il 30 giugno 2017, quando il mandato di Tufuga Efi stava per concludersi.

QualificheModifica

L'articolo 18 della Costituzione stabilisce le qualifiche per la posizione di O le Ao o le Malo. Egli deve:

  • essere qualificato per l'elezione come membro del Parlamento;
  • possedere le qualifiche che l'Assemblea legislativa può determinare in base alla risoluzione;
  • non essere stato precedentemente rimosso dall'ufficio per motivi di cattiva condotta o infermità.[3]

Durata del mandatoModifica

L'O le Ao o le Malo viene eletto dall'Assemblea legislativa per cinque anni e può essere rieletto. Le eccezioni riguardarono unicamente i primi due titolari, Tanumafili II e Mea'ole, che vennero esonerati dal termine di cinque anni previsto dall'articolo 19.[3] La Costituzione stabilisce un limite di due mandati che un O le Ao o le Malo può detenere. Si capiva che l'ufficio doveva alternarsi tra le quattro famiglie di Tama a 'Aiga. L'attuale capo di Stato appartiene al clan Tuimaleali'ifano, uno dei quattro capi di spicco a fianco del Mata'afa.[5]

La rimozione dall'ufficio può avvenire in quattro modi:

  • dimissioni;
  • rimozione da parte dell'Assemblea legislativa a causa di comportamento scorretto o infermità mentale o fisica;
  • approvazione da parte di due terzi dell'Assemblea legislativa di una risoluzione per la rimozione che venga proposta e supportata da almeno un quarto dei suoi membri dopo almeno quattordici giorni tra l'avviso e il dibattito sulla mozione;[3]
  • morte.

Doveri e poteriModifica

La posizione è quella di un capo di Stato cerimoniale, dato che il potere effettivo è detenuto dal Primo ministro che il capo dello Stato nomina su raccomandazione dell'Assemblea legislativa. Mentre il capo dello Stato "non svolge un ruolo attivo nel governo", può sciogliere l'Assemblea legislativa e nessun atto del Parlamento può divenire legge senza la sua approvazione.[10] Può anche concedere la grazia.[11]

ElezioniModifica

Ad oggi, ci sono state tre elezioni per l'ufficio di O le Ao o le Malo. La prima si è tenuta il 16 giugno 2007. Tufuga Efi è stato eletto senza opposizione dal Parlamento con una maggioranza di 49 voti. La seconda si è tenuta il 19 luglio 2012. Tufuga Efi venne proposto dal Primo ministro "Tuilaepa Aiono" Sa'ilele Malielegaoi e distaccò Palusalue Fa'apo II, leader dell'opposizione. La terza si tenne il 30 giugno 2017. Va'aletoa Sualauvi II fu eletto con una maggioranza di 23 a 15.[12]

Elenco dei SovraniModifica

O le Ao o le Malo Inizio Fine Note
  Tupua Tamasese Mea'ole 1º gennaio 1962 5 aprile 1963 incarico a vita, in diarchia
  Malietoa Tanumafili II 1º gennaio 1962 11 maggio 2007 incarico a vita; diarchia fino al 5 aprile 1963
  Va'aletoa Sualauvi II 11 maggio 2007 20 giugno 2007 diarchia ad interim
  Tufuga Efi 11 maggio 2007 20 giugno 2007 diarchia ad interim
  Tufuga Efi 20 giugno 2007 21 luglio 2017 primo capo di Stato con mandato a termine
  Va'aletoa Sualauvi II 21 luglio 2017 in carica

NoteModifica

  1. ^ Samoalive dictionary, su samoalive.com. URL consultato il 26 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2008).
  2. ^ Websters Online Dictionary
  3. ^ a b c d e Costituzione dello Stato Indipendente delle Samoa Occidentali, su paclii.org, University of the South Pacific. URL consultato il 28 dicembre 2007 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2007).
  4. ^ Hassall, Graham e Saunders, Cheryl, Asia-Pacific Constitutional Systems, Cambridge University Press, 2002, p. 41, ISBN 0-521-59129-5.
  5. ^ a b New Zealand Herald, Name says it all for Samoa's new leader, in The New Zealand Herald, 28 giugno 2007. URL consultato il 28 dicembre 2007.
  6. ^ Samoan king dies at the age of 94, in The Sydney Morning Herald, 13 maggio 2007. URL consultato il 13 maggio 2007.
  7. ^ Jackson, Cherelle, Samoa's Head of State Malietoa dies aged 95, in The New Zealand Herald, 13 maggio 2007. URL consultato il 1º novembre 2011.
  8. ^ New Zealand Herald, New head of state for Samoa, in The New Zealand Herald, 16 giugno 2007. URL consultato il 16 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2011).
  9. ^ Genealogy, su members.iinet.net.au. URL consultato il 26 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2016).
  10. ^ Kogan Page e World of information, Asia and Pacific Review 2003/04, 21st edition, Essex, England, Walden Publishing Ltd., 2003, p. 41, ISBN 0-7494-4063-5.
  11. ^ eDiplomat.com, Samoa, su ediplomat.com. URL consultato il 28 dicembre 2007.
  12. ^ Samoa’s parliament reappoints Tui Atua as head of state Radio New Zealand International, 19 luglio 2012.

Voci correlateModifica