Apri il menu principale

Capitani della spiaggia

romanzo scritto da Jorge Amado
Capitani della spiaggia
Titolo originaleCapitães da areia
AutoreJorge Amado
1ª ed. originale1936
Genereromanzo
Lingua originaleportoghese
Protagonistii Capitani della spiaggia

Capitani della spiaggia è un libro dello scrittore brasiliano Jorge Amado, pubblicato nel 1936. Il libro tratta della vita dei meninos de rua, i bambini poveri abbandonati in Brasile, che vivono esclusivamente di furti e rapine.

TramaModifica

A Salvador de Bahia, città brasiliana, vi è una pericolosa banda di ragazzini di strada, nota come "Capitani della spiaggia", infatti la loro influenza si concentra soprattutto vicino all'area del porto.

I principali personaggi sono: Pedro Proiettile, capo della banda; João Grande, il più rispettato per la sua stazza; il "Lecca-Lecca" che svilupperà una vocazione religiosa; il "Professore", amante dei libri e narratorie di storie; il "Gatto", uno dei più svegli e Dora una ragazza che entrerà nel gruppo per il suo coraggio.

Alla fine la banda si disgrega per opportunità lavorative e per la morte di Dora che provoca sconvolgimento ed incredulità.

Questi ragazzi crescono in strada e senza nessuno alle spalle e la società non gli permette di emergere e di acquisire gli strumenti adatti, piuttosto li emargina e li fa apparire come un grande problema che va soppresso.

EdizioniModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Recensione del libro, su guide.dada.net. URL consultato il 29 novembre 2007 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2007).
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura