Capitani della spiaggia

romanzo scritto da Jorge Amado
Capitani della spiaggia
Titolo originaleCapitães da areia
AutoreJorge Amado
1ª ed. originale1936
Genereromanzo
Lingua originaleportoghese
Protagonistii Capitani della spiaggia

Capitani della spiaggia è un libro dello scrittore brasiliano Jorge Amado, pubblicato nel 1936. Il libro tratta della vita dei meninos de rua, i bambini poveri abbandonati in Brasile, che vivono esclusivamente di furti e rapine.

TramaModifica

A Salvador de Bahia, città brasiliana, vi è una pericolosa banda di ragazzini di strada, nota come "Capitani della spiaggia", infatti la loro influenza si concentra soprattutto vicino all'area del porto.

I principali personaggi sono: Pedro Proiettile, capo della banda; João Grande, il più rispettato per la sua stazza; il "Lecca-Lecca" che svilupperà una vocazione religiosa; il "Professore", amante dei libri e narratorie di storie; il "Gatto", uno dei più svegli e Dora una ragazza che entrerà nel gruppo per il suo coraggio.

Alla fine la banda si disgrega per opportunità lavorative e per la morte di Dora che provoca sconvolgimento ed incredulità.

Questi ragazzi crescono in strada e senza nessuno alle spalle e la società non gli permette di emergere e di acquisire gli strumenti adatti, piuttosto li emargina e li fa apparire come un grande problema che va soppresso.

EdizioniModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Recensione del libro, su guide.dada.net. URL consultato il 29 novembre 2007 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2007).
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura