Capitolazioni di Santa Fe

Capitolazioni di Santa Fe
Capitulacionsori.jpg
Registro delle Capitolazioni di Santa Fe (Granada) di Cristoforo Colombo con i Re Cattolici, conservato nell'Archivio della Corona d'Aragona (precedentemente noto come Archivio Reale di Barcellona).
Firma17 aprile 1492
LuogoSanta Fe (Spagna)
CondizioniIn caso di successo Colombo avrebbe avuto il grado di Ammiraglio del Mare Oceano e il titolo di viceré delle terre scoperte.
FirmatariRoyal Banner of Aragón.svg Ferdinando II d'Aragona
Royal Banner of the Crown of Castille (15th Century Style).svg Isabella di Castiglia
Cristoforo Colombo
voci di trattati presenti su Wikipedia

Le Capitolazioni di Santa Fe era un documento scritto dai monarchi cattolici (Ferdinando II d'Aragona e Isabella di Castiglia) il 17 aprile 1492 nella città di Santa Fe, alla periferia di Granada, che include gli accordi raggiunti con Cristoforo Colombo in merito alla sua richiesta di finanziamento della spedizione per raggiungere le Indie navigando verso ovest.

Nel documento, a Cristoforo Colombo vengono concessi i titoli di ammiraglio del Mare Oceano, viceré e governatore generale di tutti i territori eventualmente scoperti nel viaggio,così come la decima parte di tutte le merci che avrebbe trovato o guadagnato nei luoghi conquistati. Il testo è stato scritto dal segretario Juan de Coloma e l'originale, ora perduto, è stato firmato dai due monarchi. Le Capitolazioni di Santa Fe significarono una distribuzione anticipata tra Colombo e i monarchi cattolici dei benefici che avrebbe portato l'eventuale scoperta della rotta per le Indie occidentali, poi rivelatasi la scoperta del Nuovo Mondo. Con questi benefici, Colombo raggiunse una rapida ascesa sociale, entrando a far parte della nobiltà di corte.

C'è polemica su vari aspetti delle Capitolazioni. Durante le cause colombiane se ne discusse la natura giuridica: mentre gli eredi di Colombo affermavano che rappresentava un contratto vincolante, la Corona difese che si trattava di una mera concessione revocabile; la questione continua ad essere dibattuta oggi. D'altra parte, il titolo del documento afferma che Colombo "ha scoperto" certe terre, il che ha fornito argomenti a quelli a favore di una pre-scoperta dell'America prima del 1492. Altri aspetti del testo che hanno dato luogo a interpretazioni contrastanti sono il trattamento di un "dono" concesso a Colombo e la concessione immediata di titoli, che contrastano con una concessione successiva, il Provvedimento Reale del 30 aprile 1492, che condiziona i titoli all'effettiva scoperta di nuove terre e non usa il termine "dono" quando menziona Colombo. Ciò ha dato origine alla teoria secondo cui il documento potrebbe essere modificato nel 1493 dopo il ritorno di Colombo dal suo primo viaggio nelle Indie.

Testo e traduzioneModifica

IntroduzioneModifica

Il documento, di cui si conservano diverse copie, inizia menzionando i due motivi per cui i re concedono a Cristoforo Colombo "le cose per cui ha chiesto il finanziamento": in primo luogo a causa di "ciò che ha scoperto" nell'Atlantico e in secondo luogo a causa del viaggio che egli presto intraprenderà. Il testo chiama i re "vostra altezza", il che suggerisce che sia stato redatto da Colombo e che la Corona si sia limitata ad approvarlo.19 Secondo la versione conservata negli Archivi della Corona d'Aragona:

(ES)

«Las cosas suplicadas e que vuestras altezas dan e otorgan a don Christoual de colon en alguna satisfacion de lo que ha descubierto en las mares oçeanas y del viage que agora con el ayuda de Dios ha de fazer por ellas en seruicio de vuestras altezas son las que se siguen:[1]»

(IT)

«Le cose richieste e che Vostre Altezze danno e concedono a Don Cristoforo Colombo in una certa soddisfazione di ciò che ha scoperto nei mari oceanici e del viaggio che ora ha con l'aiuto di Dio deve fare per loro al servizio del vostro Le altezze sono quelle che seguono:»

CapitolazioniModifica

Di seguito sono elencati in cinque punti, chiamati "capitoli" all'epoca (da cui "capitolazioni"), i titoli ed i privilegi concessi a Colombo. Alla fine di ciascuna di esse si legge «Plaze a su aztezas. Juan de Coloma.»

Capitolo 1Modifica

La vita e il titolo ereditario di ammiraglio di tutte le "isole e continenti" che Colombo scoprì o conquistò "per mano o per industria" nei "mari oceanici". Per specificare quali erano le attribuzioni di questo titolo, si specifica che sarebbero le stesse di Alonso Enríquez de Quiñones, 20° ammiraglio maggiore di Castiglia morto nel 1485. La famiglia Enríquez aveva raggiunto una grande importanza nella società castigliana del tempo e le responsabilità del posto di ammiraglio erano, almeno in teoria, molto ampie: era il capo di tutte le flotte di guerra e dei cantieri navali, nonché amministratore della giustizia in mare e nei porti. In pratica né Colombo né la Corona sapeva esattamente nel 1492 quali erano i poteri e i privilegi degli ammiragli di Castiglia:

(ES)

«Primeramente que vuestras altezas como Sennores que son de las dichas mares oceanas fazen dende agora al dicho don Christobal Colon su almirante en todas aquellas islas y tierras firmes que por su mano o industria se descubriran o ganaran en las dichas mares oceanas para durante su vida y despues del muerto a sus herederos e successores de uno en otro perpetuamente con todas aquellas preheminencias e prerrogativas pertenecientes al tal officio e segund que don alfonso enriquez, quondam, almirante mayor de castilla e los otros sus predecessores en el dicho officio lo tenian en sus districtos.

Plaze a su aztezas. Juan de Coloma.[1]»

(IT)

«In primo luogo, che Vostre Altezze come Sennores che provengono dai detti mari oceanici fazen d'ora in poi al detto Cristoforo Colombo, il suo ammiraglio in tutte quelle isole e terre solide che per sua mano o industria saranno scoperte o vinte in detti mari oceanici poiché durante la sua vita e dopo la morte ai loro eredi e successori l'uno all'altro perennemente con tutte quelle preminenze e prerogative appartenenti a quell'ufficio e secondo che Don Alfonso Enriquez, Quondam, il maggiore ammiraglio di Castiglia e gli altri suoi predecessori in detto ufficio avevano nei loro distretti.

Plaze a su aztezas. Juan de Coloma.»

Capitolo 2Modifica

I titoli di viceré e governatore di dette terre, che includevano il diritto di presentare alla Corona una lista di candidati per ogni carica di governo. Il documento non specifica le attribuzioni di queste posizioni o se saranno ereditarie o meno. Questa ambiguità sarebbe stata chiarita nelle successive lettere di privilegio

(ES)

«Otrosí que vuestras altezas fazen al dicho don Christobal su virrey e gobernador general en todas las dichas tierras firmes e yslas que como dicho es el descubriere o ganare en las dichas mares; e que paral regimiento de cada huna e qualquiere dellas, faga el election de tres personas para cada oficio, e que vuestras altezas tomen y scojan uno el que mas fuere su seruicio; e assi seran mejor regidas las tierras que nuestro Sennor le dexara fallar e ganar a seruicio de vuestras altezas.

Plaze a su aztezas. Juan de Coloma.[1]»

(IT)

«D'altra parte, che le vostre altezze coltivano il detto Don Colombo, suo viceré e governatore generale in tutte le dette terre e isole, che, come detto, scoprirà o vincerà in detti mari; e che per il reggimento di ogni huna e qualunque di loro, l'elezione di tre persone per ogni ufficio, e che le vostre altezze prendano e scelgano quella che sarà il miglior servizio; e così le terre che il nostro Signore gli permetterà di fallire e vincere saranno meglio governate al servizio delle vostre altezze.

Plaze a su aztezas. Juan de Coloma.»

Capitolo 3Modifica

Il 10% di tutti i guadagni economici che sono stati generati nei territori del suo Ammiragliato (il restante 90% è rimasto per la Corona). Questa clausola era molto diversa dalla pratica abituale, che era che il capitolare finanziò lui stesso la sua spedizione e con la merce ottenuta coprì prima le sue spese e poi gli diede una tassa del 20% sui profitti alla Corona (il "quinto reale"). Si ritiene che l'eccezione nelle capitolazioni di Santa Fe sia dovuta al fatto che fu la Corona a finanziare il viaggio di Colombo.

(ES)

«Item que de todas e qualesquiere mercadurias siquiere sean perlas piedras preciosas oro plata specieria e otras qualesquiere cosas e mercadurias de qualquiere specie nombre e manera que sean que se compraren trocaren fallaren ganaren e hovieren dentro en los limites del dicho almirantadgo, que dende agora vuestras altezas fazen merced al dicho don Christoual e quieren que haya e lieue para si la dezena parte de todo ello quitadas las costas todas que se fizieren en ello por manera que de lo que quedare limpio e libre haya e tome la dicha decima parte para sí mismo e faga della a su voluntad quedando las otras nueve partes para vuestras altezas.

Plaze a su aztezas. Juan de Coloma.[1]»

(IT)

«Oggetto che di tutta quella merce vuole se sono perle, pietre preziose, oro, argento, specieria e altri che vogliono cose e merci di qualsiasi tipo, nome e modo in cui devono essere acquistate in baratto, fallire, vincere e librarsi all'interno del limiti del detto ammiragliato, che ora è Vostra Altezza. Fazen grazie al detto Don Christoual e vogliono che abbia e mentisca per sé la parte dieci di tutto questo, rimuovendo i costi tutto ciò che è fizieren in modo che di ciò che rimane pulito e libero c'è e prende la suddetta decima parte per sé e per Faga della a piacimento, lasciando le altre nove parti a Vostre Altezze.

Plaze a su aztezas. Juan de Coloma.»

Capitolo 4Modifica

L'autorità per Colombo, o per un luogotenente da lui nominato, per giudicare le cause commerciali che hanno origine nella società. In questo caso, una frase è stata aggiunta al "Plaze a su hautes" che ha condizionato questo diritto al fatto che l'aveva avuto anche l'ammiraglio Enríquez: "si pertenece al dicho officio de almirante segunt que lo tenia el dicho almirante don alonso enriquez, quondam, y los otros sus antecessores en sus districtos y siendo justo" ("Se appartiene al detto ufficio di ammiraglio secondo il detto ammiraglio Don Alonso Enriquez aveva esso, quondam, e gli altri i loro antenati nei loro distretti ed essendo onesti. " In pratica, Colombo non ha mai esercitato questo diritto

(ES)

«Otrosi que si a causa de las mercadurias quel trahera de las yslas y tierras que assi como dicho es se ganaren o descubrieren o de las que en trueque de aquellas se tomaren aqua de otros mercadores naciere pleyto alguno en el logar dondel dicho comercio e tracto se terna y fara que si por la preheminencia de su officio de almirante le pertenecera conocer del tal pleyto plega a vuestras altezas que el o su teniente e no otro Juez conozcan del tal pleyto, e assi lo prouean dende agora.

Plaze a su aztezas. Juan de Coloma.[1]»

(IT)

«Othersi che se a causa della merce che la trahera delle isole e delle terre che assi come detto viene vinta o scoperta o di quelle che in cambio di quelle acque da altri mercanti viene presa, qualsiasi pleyt nascerà nel luogo dove detto commercio e tratto è terna e fara che se per la preminenza del suo ufficio di ammiraglio spetta a lui sapere di un tale pleyt, prego le vostre altezze che lui o il suo luogotenente e non un altro giudice conoscano un tale pleyt, e così lo provano da adesso.

Plaze a su aztezas. Juan de Coloma.»

Capitolo 5Modifica

Infine, l'opzione, ma non l'obbligo, di contribuire con un ottavo delle spese di un'eventuale spedizione futura, in cambio della successiva ricezione di un'analoga parte dei benefici ottenuti. Gli storici non sono d'accordo sul fatto che Colombo abbia mai esercitato questa opzione

(ES)

«Item que en todos los nauios que se armaren paral dicho tracto e negociacion cada y quando y quantas vezes se armaren que pueda el dicho don Christoual colon si quisiere contribuyr e pagar la ochena parte de todo lo que se gastare en el armazon e que tanbien haya e lieue del prouecho la ochena parte de lo que resultare de la tal armada.

Plaze a su aztezas. Juan de Coloma.[1]»

(IT)

«Oggetto che in tutte le navi che saranno assemblate per detto tratto e trattativa ogni e quando e quante volte saranno armate che il detto colon Don Christoual può se vuole contribuire e pagare l'ottava parte di tutto ciò per cui sarà speso il quadro e che ha anche L'ottanta parte di ciò che risulterà da un simile esercito è stata assegnata.

Plaze a su aztezas. Juan de Coloma.»

Data e firmeModifica

Il testo si conclude indicando il luogo e la data in cui il documento è stato firmato:

(ES)

«Son otorgadas e despachadas con las respuestas de vuestras altezas en fin de cada hun Capitulo en la villa de Santa fe de la vega de granada a XVII de abril del anno del nacimiento de nuestro Sennor Mil CCCCLXXXXII [1492].[1]»

(IT)

«Sono concessi e inviati con le risposte delle Vostre Altezze alla fine di ogni capitolo nella città di Santa Fe de la Vega de Granada il 17 aprile dell'anno della nascita del nostro Signore Mil CCCCLXXXXII [1492].»

Le copie conservate includono poi le frasi "yo el Rey" e "yo la Reyna" per indicare che l'originale era stato siglato da entrambi i monarchi, così come il nome dell'editore, Juan de Coloma, che era il segretario del re. Infine, alcune copie indicano che il documento è stato registrato da "Calçena", cioè il cancelliere della cancelleria di Aragona Juan Ruiz de Calcena.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g (ES) Las capitulaciones de Santa Fe (PDF), su archivomunicipaldesantafe.es, ISBN 978-84-938851-1-3.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb12505319r (data)