Carl Lutz

diplomatico svizzero e Giusto tra le nazioni

Carl Robert Lutz (Walzenhausen, 30 marzo 1895Berna, 12 febbraio 1975) è stato un diplomatico svizzero.

Carl Lutz (1944)

BiografiaModifica

 
Il memoriale dei giusti nel cortile della sinagoga di Budapest dove appare anche il nome di Carl Lutz.

Carl Lutz, in compagnia della moglie Gertrud Lutz-Fankhauser (più tardi vicepresidente dell'UNICEF), si recò nel 1935 in Palestina, dove restò fino al 1941. Qui Lutz lavorò al consolato svizzero e fu testimone dei drammatici tumulti fra i palestinesi e gli ebrei fuggiti della Germania e da altre parti d'Europa, tra cui l'Italia.

Lutz lavorò in seguito nei consolati svizzeri a Washington, Filadelfia, St. Louis, Jaffa e Berlino, prima di essere spostato, nel 1942, come viceconsole a Budapest.

È in Ungheria che divenne famoso, grazie al suo impegno a favore degli ebrei ungheresi durante la seconda guerra mondiale. Con il suo aiuto furono salvati dalla morte nei campi di concentramento nazionalsocialisti circa 60.000 uomini, la metà di tutti i sopravvissuti fra gli ebrei ungheresi.

Lutz raggiunse questo risultato sfruttando la sua posizione come direttore della sezione "interessi stranieri" dell'ambasciata svizzera, con la distribuzione di lettere di protezione a ebrei pronti a emigrare in Palestina. Queste lettere proteggevano gli ebrei, perché le SS di Adolf Eichmann le accettavano grazie al lavoro diplomatico di Lutz in Palestina (1935-1941) a favore dei tedeschi contro gli inglesi.

Il famoso diplomatico svedese Raoul Wallenberg, che arrivò nel 1944 a Budapest, poté rendersi conto del prezioso operato dello svizzero. Mentre dopo la Seconda guerra mondiale il ruolo di Wallenberg fu reso subito noto, quello di Lutz venne a lungo trascurato. Addirittura, dopo la guerra, la Svizzera ammonì Lutz per non avere rispettato le proprie competenze. Solo nel 1995 il governo federale si scusò ufficialmente per averlo dimenticato così a lungo, definendolo “uno dei cittadini eminenti nella storia della nazione”.

Il museo Yad Vashem ha onorato Carl Lutz e la sua prima moglie nel 1965, assegnando loro il titolo di Gerechter unter den Völkern (Giusto fra i popoli).

Lutz è sepolto nel cimitero di Bremgarten a Berna.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN11323338 · ISNI (EN0000 0001 0467 5054 · LCCN (ENn86049576 · GND (DE118831585 · BNF (FRcb151036759 (data) · J9U (ENHE987007264713305171 · WorldCat Identities (ENlccn-n86049576