Castello di Criccieth

castello gallese
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Criccieth Castle" rimanda qui. Se stai cercando il veliero britannico del 1887, vedi Criccieth Castle (nave) .
Castello di Criccieth
(EN) Criccieth Castle
(CY) Castell Cricieth
Criccieth Castle - geograph.org.uk - 344613.jpg
Stato attualeRegno Unito Regno Unito
Regione/area/distrettoGalles
CittàCriccieth
Coordinate52°54′57.5″N 4°13′57″W / 52.915972°N 4.2325°W52.915972; -4.2325
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Castello di Criccieth
Informazioni generali
Tipofortezza
Costruzioneanni trenta del XIII secolo-seconda metà del XIII secolo
CostruttoreLlywelyn il Grande
Demolizione1403-1404
Proprietario attualeCadw
Visitabile
http://www.castlexplorer.co.uk/wales/criccieth/criccieth.html
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Criccieth (in inglese: Criccieth Castle; in gallese: Castell Cricieth) è un castello fortificato in rovina del villaggio gallese di Criccieth, nella penisola di Llŷn (contea di Gwynedd, Galles nord-occidentale) fatto costruire tra il 1230 e il 1240 ca. dal principe Llywelyn il Grande (Llywelyn ap Iorwerth, 1173 ca.-1240).[1][2][3][4]

Criccieth (Galles): il castello
Torri del castello di Criccieth
Mura del castello di Criccieth
Rovine del castello di Criccieth

L'edificio è classificato come castello di primo grado (dal 1949).[5]

EtimologiaModifica

Il nome del castello, che ha dato il nome anche al villaggio di Criccieth, deriverebbe dai termini gallesi crug, che significa "collina", e caeth, che significa "prigionieri".[6]

DescrizioneModifica

Il castello si erge sulla sommità di una collinetta separata da due spiagge e che si affaccia sulla baia di Porthmadog.[2][3][4][6]

 
Veduta panoramica del villaggio di Criccieth con la collina su cui si erge il castello

L'edificio è di forma triangolare ed è suddivisio in tre corti.[2] Presenta una porta d'accesso unica nel suo genere tra i castelli eretti da Llywelyn il Grande e che probabilmente imita quella dei castelli inglesi[1], in particolare quella di Beeston Castle, nel Cheshire[3].

Tra le mura del castello, è stata rinvenuta una piccola statua in smalto e rame raffigurante Cristo (ora conservata al National Museum of Wales di Cardiff), che fa pensare all'esistenza di una cappella all'interno dell'edificio.[3]

StoriaModifica

La costruzione del castello voluta da Llywelyn il Grande risale probabilmente intorno al 1239 circa.[4]

Tra il 1255 e il 1282 fu fatta probabilmente costruire una nuova ala da parte di Llywelyn Ein Llyw Olaf ap Gruffydd.[2]

Nel 1283, il castello di Criccieth fu conquistato dalle truppe di Edoardo I d'Inghilterra.[1][2][3][4] Quest'ultimo spese in seguito cifre ingenti per sistemare l'edificio.[2]

Nel 1294 o 1295, il castello fu probabilmente assediato dai Gallesi, comandati da Madog ap Llywelyn[2][3], ma la fortezza resse all'assedio grazie alla sua posizione che poteva godere della protezione del mare[2].

Nel 1403-1404, il castello fu riconquistato dai Gallesi, per merito di Owain Glyndŵr, il quale però ordinò che venisse immediatamente incendiato.[1][2][3][4][6] In seguito, l'edificio non venne più ricostruito.[2]

 
Il castello di Criccieth nel 1824 in un disegno di quali Henry G. Gastineau

Nel 1933, l'edificio fu ceduto alla stato da Lord Harlech.[3]

Il castello di Criccieth nella cultura di massaModifica

ArteModifica

  • Il castello di Criccieth è raffigurato in vari dipinti di artisti quali J. M. W. Turner[1]
 
Il castello di Criccieth in un disegno di quali J. M. W. Turner

NoteModifica

  1. ^ a b c d e (EN) Criccieth Castle, su porthmadog.com, Porthmadog. URL consultato il 5 aprile 2016.
  2. ^ a b c d e f g h i j (EN) Criccieth Castle, su castlexplorer.co.uk, CastleXplorer. URL consultato il 5 aprile 2016.
  3. ^ a b c d e f g h (EN) Criccieth Castle, Britain Express.
  4. ^ a b c d e Aktinson - Dragicevich, Galles [Wales], Lonely Planet - EDT, Torino, 2011, p. 244
  5. ^ (EN) Criccieth Castle, Ffordd Castell (Castle Street) (Se Side), Criccieth, British Listed Buildings.
  6. ^ a b c (EN) Criccieth Castle, su cadw.gov.wales, Cadw. URL consultato il 5 aprile 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN251959184 · LCCN (ENno2012112738 · WorldCat Identities (ENlccn-no2012112738