Castello di Oliva Gessi

Castello di Oliva Gessi
Castello di Oliva Gessi
Oliva Gessi.JPG
Il castello di Oliva Gessi sovrasta il piccolo borgo
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneLombardia
CittàOliva Gessi
Informazioni generali
TipoPalazzo residenziale
Inizio costruzioneX secolo
Materialelaterizio
Condizione attualebuona
Proprietario attualePrivato
Visitabileno
Informazioni militari
Funzione strategicadifesa
M. Merlo, Castelli, rocche, case-forti, torri della Provincia di Pavia, Pavia 1971
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Castello di Oliva Gessi è una fortificazione situata nell'omonimo comune italiano, in provincia di Pavia. L'edificio è posto sull'altura che sovrasta il piccolo borgo, si trova nell'Oltrepò Pavese.

StoriaModifica

Una fortificazione, di cui non conosciamo il nome ne le dimensioni e la forma, è già citata in alcuni documenti altomedievali, Il nome di Oliva compare per la prima volta nel 998 in un diploma dove Ottone III la conferma tra i possedimenti del monastero di San Martino di Pavia. Queste strutture sono state più volte rimaneggiate fino a dare origine al blocco quadrilatero che tuttora sorge nel punto più alto del piccolo abitato[1].

StrutturaModifica

Il castello ha un impianto quadrilatero irregolare, con cortile centrale e un ampio portone carraio sul lato orientale. Un terrazzo, costruito su di un alto muraglione di sostegno in laterizio, circonda la struttura su tre lati. Una particolare sporgenza, posta sullo spigolo settentrionale della costruzione, fa presumere che esistesse, nei tempi passati, una torre. Il fronte orientale e quello settentrionale sarebbero autentici, anche se drasticamente rimaneggiati, l'aspetto attuale è quello di un ampio palazzo residenziale[2].

NoteModifica

  1. ^ borghiecastelli.eu, http://www.borghiecastelli.eu/oliva-gessi./
  2. ^ lombardiabeniculturali.it, http://www.lombardiabeniculturali.it/architetture/schede/1A050-00194/.

BibliografiaModifica

  • M. Merlo, Castelli, rocche, case-forti, torri della Provincia di Pavia, Pavia, 1971.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica