Apri il menu principale

Charles Rabou

romanziere e giornalista francese

BiografiaModifica

Figlio di un sottufficiale, fece buoni studi al Lycée Henri-IV di Parigi e poi alla facoltà di legge a Digione (Université de Bourgogne). Dopo la laurea si dedicò al giornalismo scrivendo di argomenti politici e letterari su vari giornali (La Quotidienne, Le Messager des Chambres, Le Nouvelliste, Le Journal de Paris, La Charte de 1830). Nel 1829 fu tra i fondatori della Revue de Paris, che diresse dal 1830 al 1833 valendosi fra i collaboratori di Honoré de Balzac, di cui Rabou fu sempre buon amico. Nel 1832 fondò La Cour d'Assise, che chiuderà nel 1834.

Con la direzione della Revue de Paris (1830-1833) si dedicò alla letteratura. In collaborazione con Balzac e Chasles nel 1832 scrisse i Contes bruns, una raccolta alla quale i tre contribuirono con racconti non firmati. Scrisse numerosi romanzi, ormai dimenticati[1], ma soprattutto portò a termine alcuni romanzi di Balzac (Le Député d'Arcis, Le Comte de Sallenauve, La Famille Beauvisage, Les Petits Bourgeois) rimasti incompiuti per la morte dell'autore il quale peraltro, prima della morte, aveva incaricato Rabou di portare a termine.

OpereModifica

  • (con Honoré de Balzac e Philarète Chasles) Contes bruns, racconti (1832)
  • Le Mannequin, romanzo (1831)
  • Les Tribulations et métamorphoses posthumes de maître Fabricius, peintre liégeois, romanzo (1839, nuova edizione nel 1860)
  • Louison d'Arquien, romanzo (1840)
  • Le Capitaine Lambert, romanzo (1842)
  • La Reine d'un jour, romanzo (1845)
  • L'allée des veuves, romanzo (1845)[2]
  • Madame de Chaumergis, romanzo (1846)[3]
  • L'Allée des veuves, romanzo (1845)
  • Le Cabinet noir. Les Frères de la mort, romanzo (1849)
  • La Fille sanglante, romanzo (1857)
  • Le Marquis de Vulpiano, romanzo (1858)
  • Les Grands danseurs du Roi, romanzo (1860)
  • La Grande Armée, saggio storico (1860)

NoteModifica

  1. ^ Dictionnaire historique des littératures Larousse, 1985, tome II,ISBN 2-03-508301-X
  2. ^ Tradotto in lingua italiana da Angiolo Orvieto, Il viale delle vedove, Napoli: Rondinella, 1847
  3. ^ Recensione in: Bibliographie catholique: revue critique des ouvrages de religion, de philosophie, d'histoire, etc, Volume 6, 1847, pp. 191-92 (Google libri)

BibliografiaModifica

  • Gustave Vapereau, Dictionnaire universel des contemporains: contenant toutes les personnes notables de la France et des pays étrangers: avec leurs noms, Vol. II (IANK-ZWIR), Paris: Librairie Hachette, 1858
  • «Rabou ‹-ù›, Charles Félix Henri». In: Enciclopedia Biografica Universale, Vol. XVI (Preto-Rugen), Roma: Istituto dell'Enciclopedia Italiana-L'Espresso, 2007

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN129646072 · ISNI (EN0000 0001 1581 1226 · LCCN (ENn89608538 · GND (DE142306991 · BNF (FRcb119209493 (data) · CERL cnp01272089 · WorldCat Identities (ENn89-608538
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie