Apri il menu principale

Chiesa di San Paolo (Verona)

edificio religioso di Verona
Chiesa di San Paolo
Chiesa di San Paolo (Verona).jpg
Facciata della chiesa
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàVerona
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolarePaolo di Tarso
Diocesi Verona
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzione1289
Completamento1950

Coordinate: 45°26′19.9″N 11°00′15.7″E / 45.438861°N 11.004361°E45.438861; 11.004361

La chiesa di San Paolo, chiamata anche chiesa di San Paolo in Campo Marzio, è un edificio sacro situato a Verona.

Indice

StoriaModifica

Una piccola chiesa dedicata ai Santi Paolo e Pietro venne realizzata verso il finire dell'XI secolo in stile romanico, ma nel 1183 venne completamente ricostruita con l'aggiunta del campanile, probabilmente a causa del terremoto del 3 gennaio 1117 che l'aveva semidistrutta.

La chiesa venne nuovamente rinnovata nel 1289, assumendo l'aspetto che è giunto fino al riadattamento settecentesco, che dapprima doveva limitarsi principalmente a rimodernare pavimento e altari, ma il progetto finì per essere commissionato al conte Alessandro Pompei, architetto e studioso dell'arte antica veronese, che diresse i lavori tra il 1740 e il 1768.

Il 4 gennaio 1945, durante un'incursione area alleata della seconda guerra mondiale, caddero alcune bombe sulla chiesa, che venne sventrata, anche se per fortuna alcune delle opere d'arte di maggiore importanza riuscirono a salvarsi. La ricostruzione della chiesa, con le sembianze del progetto di Alessandro Pompei, durò fino al 1950.

ArchitetturaModifica

La facciata è suddivisa nell'ordine inferiore in cinque parti con parasta ioniche, mentre l'ordine superiore è trattato a corinzio. C'è un finestrone centrale con disegnata la figura di San Paolo, che sostituisce il rosone presente prima del bombardamento. In generale il rifacimento della facciata e dell'interno, a seguito della distruzione della seconda guerra mondiale, ha fatto perdere il fascino che aveva precedentemente la chiesa. La torre campanaria ospita 6 pregiatissimi bronzi accordati secondo la scala di Sol3, sono montati per eseguire concerti di Campane alla veronese. Il primo gruppo di suonatori esisteva già ad inizio '900.

BibliografiaModifica

  • Giorgio Borelli (a cura di), Chiese e monasteri di Verona, Verona, Edizioni B.P.V., 1981, ISBN non esistente.

Altri progettiModifica

Voci correlateModifica