Apri il menu principale

Chiesa di Sant'Antonio di Padova (Conegliano)

edificio religioso di Conegliano
Chiesa di Sant'Antonio di Padova
Conegliano - Chiesa di Sant'Antonio da Padova, sede dei Frati Cappuccini - Foto di Paolo Steffan.jpg
La facciata
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàConegliano
ReligioneCattolica
Diocesi Vittorio Veneto
Consacrazione1947
Completamento1944
Sito webSito dei frati di Conegliano

Coordinate: 45°52′59.33″N 12°17′26.48″E / 45.883146°N 12.29069°E45.883146; 12.29069

La chiesa di Sant'Antonio di Padova è un edificio sacro di Conegliano, situato in località Parco Rocca, in posizione adiacente all'ospedale civile. È la sede coneglianese dei frati cappuccini.

Cenni storiciModifica

L'attuale chiesa dei frati cappuccini viene costruita nel 1944 su progetto di Giovanni Morassutti, annessa al nuovo convento, e viene consacrata a Sant'Antonio di Padova nel 1947: il santo infatti aveva fatto visita ai frati coneglianesi nei primi anni del Duecento; infatti è in quel secolo che la storia degli ordini minori nel territorio di Conegliano ha origine, quando la loro sede era fuori le mura della vecchia città.

Solo nel Cinquecento i frati potranno avere un convento vicino al centro, nella stessa area su cui oggi sorge l'ospedale (che ne prese il posto nel XX secolo): qui i frati rimasero fino al 1810, data delle repressioni di Napoleone Bonaparte, che portarono alla soppressione di tutti gli ordini presenti in città.

Nel 1929 i frati minori fecero il loro definitivo rientro a Conegliano, nello stesso convento, che, una volta smantellato, fu sostituito appunto dal complesso attuale della chiesa di Sant'Antonio di Padova.

DescrizioneModifica

La chiesa di Sant'Antonio è un edificio semplice, con facciata a capanna aperta da un grande rosone e da un portale rettangolare.

Internamente lo spazio è quello di un'unica navata intonacata di bianco e impreziosita da alcune opere pittoriche e scultoree tradizionalmente legate alla storia dei cappuccini di Conegliano, tra le quali spicca l'Ultima Cena di Pietro Bernardi, risalente alla fine del XVI secolo.

Alla chiesa è annesso il convento, dotato di un chiostro con archi a tutto sesto, al centro del quale è presente un pozzo, circondato dal giardino.

Persone legate alla chiesa di Sant'AntonioModifica

BibliografiaModifica

  • Luciano Caniato, Giovanna Baldissin Molli, Conegliano: storia e itinerari, Canova, 1987.

Voci correlateModifica