Chillout

genere e contesto musicale
(Reindirizzamento da Chill out)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Chill out" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Chill Out.

Per chillout (o chill-out) si intende, più che un genere musicale, un contesto musicale che include la musica d'artisti ispirati a stili quali l'ambient, la trance e la new age. Spesso classificato come sottogenere del downtempo e dell'ambient,[1] nonché associato a stili quali la musica lounge e l'etnobeat, il chill-out si sviluppò durante la seconda metà degli anni novanta a Ibiza (Spagna), luogo dove ebbe modo di affermarsi anche grazie a José Padilla, Larritoh considerato uno dei suoi maggiori esponenti.[2]

Chillout
Origini stilisticheDowntempo, ambient house, ambient
Origini culturaliSpagna, Inghilterra, anni novanta
Strumenti tipici
sintetizzatori, drum machine, mixer, chitarra elettrica
PopolaritàEbbe successo negli anni novanta e continua a evolversi nel tempo
Sottogeneri
Psychill, Chillout fusion
Categorie correlate
Gruppi musicali chillout · Musicisti chillout · Album chillout · EP chillout · Singoli chillout · Album video chillout

Del chillout vengono pubblicate ancora oggi alcune compilation, tra queste quelle omonime prodotte dal locale Café del Mar,[1] le antologie Buddha Bar[3] e quelle delle etichette Tarifa e Different Twins.

StoriaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Ambient house.

Il chill-out nacque grazie all'ambient house, stile emerso durante gli ultimi anni ottanta a Londra. Nato come musica per le chill-out rooms (o camere di decompressione) frequentate dopo i rave party da chi voleva riprendersi da "eccessi" di vario genere, venne inventato da musicisti quali gli Orb che, accostando fra loro musica da ballo e musica ambient, risentivano influenze che spaziavano dal dub, all'EDM, alla musica cosmica e al minimalismo. Dopo alcuni anni, l'ambient house venne "riscoperta" nell'isola di Ibiza, luogo dove venne riproposta in chiave "jazzy". Il locale che più contribui alla diffusione del chill-out, divenuto in poco tempo noto su scala mondiale, fu probabilmente il Café del Mar.[1][4][5]

CaratteristicheModifica

Musica introspettiva che può essere suonata sia con strumenti musicali reali che elettronici, e dal ritmo lento (non supera i 120 bpm), il chillout presenta sonorità rievocative, raffinate e distese. Oltre alle già citate influenze di musica new age, ambient e jazz, lo stile risente l'influenza della musica classica e di quella etnica (generalmente di luoghi quali Sudamerica, Spagna e India).

Infine, il chillout è uno stile ripetitivo e melodico.[1][3][2]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Rick Snoman, The Dance Music Manual: Tools, toys and techniques, Elsevier Ltd, 2004, [1].
  2. ^ a b Sílvia Martinez ed Héctor Fouce, Made in Spain: Studies in Popular Music, Routledge, 2013, [2].
  3. ^ a b Fabio de Luca, Mamma, mamma, voglio fare il dj, Arcana, 2003, p. 56.
  4. ^ Words and Music (Paul Morley, Bloomsbury Publishing, 2003, pag. 188)
  5. ^ Music Production: For Producers, Composers, Arrangers, and Students (Michael Zager, Scarecrow Press, 2012, pag. 14)

Voci correlateModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica