Apri il menu principale

Chimica delle radiazioni

branca della chimica nucleare che studia gli effetti chimici generati dalle radiazioni ionizzanti sulla materia

La chimica delle radiazioni è la branca della chimica nucleare che si occupa degli effetti chimici generati dalle radiazioni ionizzanti sulla materia. È una disciplina che differisce dalla radiochimica in quanto non è necessaria la presenza di radioattività nel materiale che subisce la modifica chimica in base all'esposizione alle radiazioni. Un esempio è rappresentato dalla conversione dell'acqua in idrogeno gassoso e perossido di idrogeno. Recenti applicazioni sono volte a sfruttare la reazione di riduzione, dovuta a elettroni solvatati, di composti organici tossici e pericolosi per l'ambiente quali le diossine e policlorobifenili (PCB) quando vengono irradiati con raggi gamma.[1] L'utilizzo delle radiazioni implica la formazioni di specie radicaliche e ioniche. La chimica delle radiazioni è impiegata anche per convertire monomeri in polimeri e per modificare i legami,[2][3] e quindi le caratteristiche, di materiali polimerici naturali o sintetici.

Indice

Irraggiamento dell'acquaModifica

Quando l'acqua è esposta alla radiazione ionizzante, assorbe energia, e come risultato forma specie chimicamente reattive che possono interagire con le sostanze in essa disciolte (i soluti). L'acqua viene ionizzata formando un elettrone solvatato e H2O+, il catione H2O+ può reagire con l'acqua formando un protone idratato (H3O+) e un radicale idrossile (·OH). Inoltre, l'elettrone solvatato può ricombinarsi con il catione H2O+ formando uno stato eccitato dell'acqua, questo stato eccitato si decompone quindi in specie quali radicali idrossili (·OH), atomi di idrogeno (H·) e atomi di ossigeno (O·). Infine, l'elettrone solvatato può reagire con i soluti quali ioni idronio o molecole di ossigeno per formare rispettivamente atomi di idrogeno e anioni radicalici superossido (·O2-).

L'influenza dell'ossigeno sulla chimica delle radiazioni può essere una ragione per la quale i tessuti ossigenati sono più sensibili all'irraggiamento durante la radioterapia dei tumori. I radicali liberi, come il radicale idrossile, modificano chimicamente le biomolecole quali il DNA, provocando un danno come la rottura delle eliche. Alcune sostanze sono protettive contro i danni indotti dalle radiazioni in quanto sono in grado di reagire con le specie altamente reattive che si formano durante l'irraggiamento dell'acqua.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4137372-8
  Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia