Apri il menu principale
Colini

Il colino è utensile da cucina usato per filtrare alimenti liquidi. Ha forma semisferica o conica con un manico e, in quelli più grandi, sul lato opposto un gancio che permette di appoggiarlo sull'orlo di un contenitore. Strutturalmente può essere di due tipi: quello dove a fare da filtro c'è una retina, retta da una struttura portante in altro materiale, e quello dove è il materiale costitutivo del colino ad essere forato per permettere lo sgocciolamento. In entrambi i casi può essere in metallo: alluminio, acciaio inox, ferro smaltato o in plastica[1].

Indice

TipiModifica

  • Infusore
  • Colino da , ha una dimensione che gli permette di essere appoggiato sul bordo della tazza, con la retina completamente al suo interno.
  • Colino o colo per brodo ha dimensione tale che si possa appoggiare sulle pentole.
  • Scolazucchero
  • Strainer, accessorio per cocktail

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Colino, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011, Treccani.it – Vocabolario Treccani on line.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina