Collezione Philippi

museo in Germania

La collezione Philippi è una collezione privata di Tholey, in Germania, che raccoglie copricapi di fede, religione e spiritualità ed altri oggetti che completano l'abbigliamento dei religiosi.

Collezione Philippi
Sammlung Philippi Stuecke.jpg
Ubicazione
StatoGermania Germania
LocalitàTholey
IndirizzoMetzer Straße 9, 66636 Tholey
Coordinate49°28′55.1″N 7°01′51.7″E / 49.481972°N 7.031028°E49.481972; 7.031028
Caratteristiche
Intitolato aDieter Philippi
ProprietàDieter Philippi
Sito web
Dieter Philippi con il suo primo pezzo della collezione, una berretta cardinalizia di seta rossa con moiré

DescrizioneModifica

 
Pezzi della collezione Philippi
 
Cordone d'oro pettorale, indossato dai papi della Chiesa cattolica

La collezione Philippi è una collezione privata raccolta da Dieter Philippi di Saarbrücken.[1]

Fra i pezzi d'interesse raccolti vi sono oltre cinquecento copricapi del cristianesimo, islamismo, ebraismo, caodaismo, shintoismo, buddismo, sikhismo, libera Chiesa, sufismo, Chiesa evangelica battista e altre comunità religiose.[2]

In essa si trovano pure oltre cento pezzi da esposizione di ambiente clericale ed ecclesiastico, come ad esempio le scarpe dei papi, i guanti pontificali, i palli, la croce pettorale, gli anelli vescovili, alcune porcellane pontificie, le fasce delle vesti ecclesiastiche, la mantella cardinalizia e molto altro ancora.

Alla collezione appartengono pure 52 cordoni per la croce pettorale, in parte prodotti in sontuosa passamaneria lavorata a mano. Nella Chiesa cattolica il papa, i cardinali e i vescovi appendono la loro croce pettorale a tali cordoni.

EsposizioneModifica

La collezione si trovava a Kirkel nel Saarland, non è aperta al pubblico ed è visitabile solo a richiesta. Parti della collezione sono esposti in esibizioni temporanee presso musei locali o specialistici. La raccolta è, con tutta probabilità, la più grande collezione al mondo di questo genere di manufatti.[3]

È prevista l'apertura di una nuova sede espositiva a Tholey nel corso del 2022.[4]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica