Apri il menu principale

La Collezione Paolo VI - arte contemporanea è un museo legato alla figura di Giovanni Battista Montini, ubicato a Concesio (Brescia).

Indice

Storia della collezioneModifica

La Collezione prende avvio storicamente nel 1955, un anno dopo l'inizio dell'episcopato milanese di Giovanni Battista Montini. Il futuro papa Paolo VI instaurò un'assidua interlocuzione con il mondo dell'arte e degli artisti: a questa linea dell'arcivescovo fu direttamente connessa l'azione promotrice del suo segretario personale, monsignor Pasquale Macchi, al quale si deve una cospicua parte dell'attuale raccolta, che, per suo lascito, è pervenuta a Brescia.

Dal 1987 fino al 2009 la collezione è stata esposta nella sede di via Alessandro Monti 9 a Brescia. Oggi la Collezione è situata nella nuova sede museale di Concesio (Brescia), paese natale di papa Montini, in un allestimento curato dallo storico dell'arte Paolo Bolpagni e dall'architetto Michele Piccardi. Con il cambio di sede e l'inaugurazione l'8 novembre 2009 alla presenza di papa Benedetto XVI, il museo ha assunto la denominazione di Collezione Paolo VI - arte contemporanea.

La Collezione è gestita dall'Associazione Arte e Spiritualità per conto dell'ente proprietario, la Fondazione Opera per l'Educazione Cristiana. Sono visibili nel museo circa 270 delle oltre settemila opere che attualmente compongono la Collezione.

Nel 2011 la Collezione si è arricchita di circa duecento lavori conferiti in comodato dalla CEI e realizzati da artisti contemporanei per illustrare i volumi del nuovo lezionario da messa.

Opere principaliModifica

BibliografiaModifica

  • Cecilia De Carli, Collezione d'arte contemporanea Arte e Spiritualità - Brescia: la scultura, Associazione Arte e Spiritualità, Brescia, 1995.
  • Cecilia De Carli, Collezione Arte e Spiritualità Brescia. Catalogo generale. La pittura, Studium, Roma, 2006, ISBN 88-382-3995-9
  • Paolo Bolpagni, Collezione Paolo VI arte contemporanea. Guida breve, Associazione Arte e Spiritualità, Brescia, 2009.

Collegamenti esterniModifica