Apri il menu principale

Compianto della Croce al Tempio

dipinto di Fra Angelico
(Reindirizzamento da Compianto sul Cristo morto (Angelico))
Compianto sul Cristo morto
Fra Angelico 076.jpg
AutoreBeato Angelico
Data1436
Tecnicatempera su tavola
Dimensioni105×164 cm
UbicazioneMuseo nazionale di San Marco, Firenze

Il Compianto sul Cristo morto è un dipinto, tempera su tavola (105x164 cm), di Beato Angelico, datato al 1436 e conservato nel Museo nazionale di San Marco a Firenze.

Indice

StoriaModifica

L'opera è documentata con la commissione da parte della Compagnia di Santa Maria della Croce al Tempio nell'aprile del 1436 e saldata nel dicembre dello stesso anno per diciotto lire e otto soldi. Alcuni[1] però, leggendo le lettere mimetizzate nel bordo del manto della Vergine, hanno rilevato la datata MIIIXXXX (1440), per cui è anche possibile che la pala fosse stata lasciata a metà e completata solo dopo il ritorno del soggiorno a Cortona del 1439-1440.

L'opera fu commissionata da fra Sebastiano di Jacopo Benintendi, che era nipote della Beata Villana, una pia donna legata all'Ordine Domenicano di Santa Maria Novella, le cui reliquie erano legate da alcuni diritti alla Confraternita. Secondo l'agiografia della Beata (Santi e Beati dell'Ordine Domenicano di Razzi) infatti essa era solita aspirare a dividere le sofferenze del Signore, del quale aveva frequenti visioni come spose celeste. In queste visioni Gesù era sempre picchiato e crocifisso.

L'opera era dislocata presso la chiesetta al Tempio, oggi distrutta per l'assedio di Firenze, dove la Compagnia di Santa Maria della Croce al Tempio recava i rei prima che venissero giustiziati per l'ultima preghiera e poi qui riportati per essere sotterrati nell'attiguo cimitero.

La distruzione della chiesetta al Tempio portò alla perdita delle pitture in essa presenti, sia gli affreschi sulla facciata di Spinello Aretino sia un'opera del Pisanello,

Prima della distruzione due tavole furono salvate, una di fra Giovanni da Fiesole, il Beato Angelico, intitolata “Compianto della Croce al Tempio” dove è raffigurato un Cristo morto portato al Sepolcro degli Apostoli ed esposta nella chiesetta al Tempio sull'altare dietro il crocifisso e che fu rimossa e trasportata presso la Galleria delle Belle Arti e in seguito spostata al Museo Nazionale di San Marco sempre a Firenze.

Descrizione e stileModifica

Sebbene in condizioni di conservazione non ottimali (perduta è un'ampia fascia in basso per via dell'alluvione del 1966), il dipinto è ben rappresentativo della "pittura di luce" sviluppata dall'Angelico negli anni trenta del Quattrocento. Vi è raffigurato il Cristo appena deposto dalla Croce, circondato dai consueti santi (le Marie, san Giovanni evangelista) e alcuni testimoni inconsueti, quali san Domenico (a sinistra) e la stessa Beata Villana, rappresentata in ginocchio a destra vestita di nero, con i raggi invece dell'aureola e con una frase che le esce dalla bocca, tratta dai testi delle sue visioni ("Cristo Jesu l[']amor mio crucifisso").

Non tutte le figure vengono attribuite alla mano dell'Angelico, poiché di qualità inferiore, ma sicuramente della mano del maestro è l'elegiaco paesaggio sulla sinistra, che sporge oltre le alte mura di una città fortificata: si tratta di Gerusalemme anche se assomiglia a Firenze, ed è paragonabile a un'analoga raffigurazione nell'Arca di San Zanobi di Lorenzo Ghiberti.

NoteModifica

  1. ^ Ulrich Middeldorf, 1955, p. 190.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica