Composizioni di Charles Villiers Stanford

lista di un progetto Wikimedia

1leftarrow blue.svgVoce principale: Charles Villiers Stanford.

Lista delle composizioni di Charles Villiers Stanford (1852-1924), ordinate per genere.

Stanford a fine Ottocento.

OpereModifica

  • Lorenza, Op. 55 (non pubblicata)
  • The Veiled Prophet of Khorassan (1881)
  • Savonarola (1884)
  • The Canterbury Pilgrims (1884)
  • Shamus O'Brien, Op. 61 (1896)
  • Christopher Patch, the Barber of Bath, Op. 69
  • Much Ado About Nothing, Op. 76a (1901)
  • The Critic, or An Opera Rehearsed, Op. 144 (1916)
  • The Travelling Companion, Op. 146 (pubblicata postuma nel 1925)
  • The Marriage of Hero (non pubblicata)
  • The Miner of Falun (Atto I; non pubblicata)

Composizioni per orchestraModifica

SinfonieModifica

  • No. 1 in Si bemolle maggiore (1876)
  • No. 2 in Re minore, "Elegiac" (1882)
  • No. 3 in Fa minore, "Irish", Op. 28 (1887)
  • No. 4 in Fa maggiore, Op. 31 (1888) [1]
  • No. 5 in Re maggiore, "L'Allegro ed il Pensieroso", Op. 56 (1894)
  • No. 6 in Mi bemolle maggiore, "In Memoriam George Frederic Watts", Op. 94 (1905) [1]
  • No. 7 in Re minore, Op. 124 (1911)

ConcertiModifica

  • Concerto per pianoforte (uno dei primi, no. "0") (1874)[2]
  • Concerto per violino (uno dei primi, 1875) [2]
  • Concerto per violoncello in Re minore (18791880) [2]
  • Suite per violino e orchestra, Op. 32
  • Concerto per pianoforte No. 1 in Sol maggiore, Op. 59
  • Variazioni per concerto sopra il tema inglese "Down Among the Dead Men" per pianoforte e orchestra in Do minore, Op. 71
  • Concerto per violino in Re maggiore, Op. 74
  • Concerto per clarinetto in La minore, Op. 80
  • Concerto per pianoforte No. 2 in Do minore, Op. 126 (1911)
  • Concerto per violino No. 2 in Sol minore, Op.162 (1918)[3]
  • Concerto per pianoforte No. 3 in Mi bemolle maggiore, Op. 171 (1919; incompleto, orchestrato da Geoffrey Bush)[2]
  • Pezzo di concerto per organo e orchestra, Op. 181

Rapsodie irlandesiModifica

  • Rapsodia irlandese per orchestra No. 1 in Re minore, Op. 78
  • Rapsodia irlandese per orchestra No. 2 in Fa minore, Op. 84 ("The Lament for the Son of Ossian")
  • Rapsodia irlandese per orchestra No. 3, Op. 137
  • Rapsodia irlandese per orchestra No. 4 in La minore, Op. 141 ("Fisherman of Loch Neagh")
  • Rapsodia irlandese per orchestra No. 5 in Sol minore, Op. 147
  • Rapsodia irlandese No. 6 per violino e orchestra, Op. 191

Altre composizioni per orchestraModifica

Composizioni per coroModifica

Anthem e mottettiModifica

  • And I saw another Angel (Op. 37, No. 1)
  • Eternal Father (Op.135)
  • For lo, I raise up (Op. 145)
  • If thou shalt confess (Op. 37, No. 2)
  • The Lord is my Shepherd (composta nel 1886)
  • Three Latin Motets (Op. 38, 1905)
    • Justorum animae
    • Coelos ascendit hodie
    • Beati quorum via

ServiceModifica

  • Service della mattina, della sera e della comunione:
    • Si bemolle maggiore (Op. 10)
    • La maggiore (Op. 12)
    • Fa maggiore (Op. 36)
    • Sol maggiore (Op. 81)
    • Do maggiore (Op. 115)
    • Re maggiore per l'Unison Choir (1923)
  • Magnificat e Nunc dimittis:
    • Si bemolle maggiore (1873, pubblicato nel 1996)
    • Fa maggiore (Queens' Service) (1872, modificato da Ralph Woodward e pubblicato nel 1995)
    • Sulla seconda e sulla terza Gregorian Mode (1907)
    • La maggiore (Op. 12)
    • Mi bemolle maggiore (Op. 10)
    • Do maggiore (Op. 115)
    • Sol maggiore (Op. 81)

MiscellaneaModifica

  • The Blue Bird, Op. 119, colle parole di Mary Coleridge
  • Six Elizabethan Pastorals Op. 49 (1892)
  • Six Elizabethan Pastorals (2nd set) Op. 53 (1894)
  • On Time, Canzone corale per doppio coro non accompagnato, Op. 142, col testo di John Milton
  • Magnificat in Mi bemolle maggiore per doppio coro non accompagnato, Op. 164 (settembre 1918): dedicato alla memoria di Parry
  • Pater Noster (1874)

Composizioni per coro e orchestraModifica

  • The Revenge, una ballata della flotta, Op. 24 (1886), colle parole di Alfred, Lord Tennyson
  • Requiem, Op. 63 (1896) [1]
  • Te Deum, Op. 66 (1898, scritto per il Leeds Festival
  • Songs of the Sea per solo baritono, coro (misto o maschile) e orchestra, Op. 91, colle parole di Henry Newbolt
  • Songs of the Fleet per solo baritono, SATB e orchestra, Op. 117, colle parole di Henry Newbolt
  • At the Abbey Gate, cantata per solo baritono, SATB e orchestra, Op. 177 (1921)

Canzoni per sole voci e pianoforteModifica

  • Sei canzoni (Op. 19)
  • Tre canzoni, col testo di Robert Bridges (Op. 43)
  • Un ciclo di nove canzoni da “The Princess of Alfred”, per quartetto di sole voci (SATB) e pianoforte (Op. 68)
  • An Irish Idyll in sei miniature, colle parole di Moira O'Neill (Op. 77)
  • Songs of Faith Set 1 (Tennyson) (Op. 97, 1-3)
  • Songs of Faith Set 2 (Walt Whitman) (Op. 97, 4-6)
  • A Sheaf of Songs from Leinster: sei canzoni, colle parole di Winifred Mary Letts (Op. 140)
  • Crossing the bar, colle parole di Alfred, Lord Tennyson
  • La belle dame sans merci, col testo di John Keats
  • A Corsican Dirge, col testo tradotto dal “Corsican” di Alma Strettell
  • Prospice, col testo di Robert Browning
  • The Milkmaid's song e The Lute Song, col testo di "Queen Mary" di Alfred, Lord Tennyson
  • To Carnations, col testo di Robert Herrick
  • Why so pale?, col testo di Sir John Suckling

Musica da cameraModifica

  • Quartetti d'archi:
    • No. 1 in Sol maggiore, Op. 44 (1891)
    • No. 2 in La minore, Op. 45 (1891)
    • No. 3 in Re minore, Op. 64 (1897)
    • No. 4 in Sol minore, Op. 99 (1907)
    • No. 5 in Si bemolle maggiore, Op. 104 (1908)
    • No. 6 in La minore, Op. 122 (1910)
    • No. 7 in Do minore, Op. 166 (1919)
    • No. 8 in Mi minore, Op. 167 (1919)
  • Altre composizioni per archi:
    • Quartetto d'archi No. 1 in Fa maggiore, per due violini, due viole e violoncello, Op. 85 (1903)
    • Quartetto d'archi No. 2 in Do minore, Op. 86 (1903)
  • Trii per pianoforte:
    • No. 1 in Mi bemolle maggiore, Op. 35 (1889)
    • No. 2 in Sol minore, Op. 73 (1899)
    • No. 3 in La "Per aspera ad astra", Op. 158 (1918)
  • Composizioni per violino e pianoforte:
    • Sonata No. 1 in Re maggiore, Op. 11 (1880)
    • Sonata No. 2 in La maggiore, Op. 70 (1898)
    • Sonata No. 3, Op. 165 (1919)
    • Legenda, WoO (1893)
    • Fantasie irlandesi, Op. 54 (1894)
    • Cinque pezzi caratteristici, Op. 93 (1905)
    • Sei sketch irlandesi, Op. 154 (1917)
    • Sei pezzi facili, Op. 155 (1917)
    • Cinque bagatelle, Op. 183 (1921)
  • Altre composizioni per strumento solo e pianoforte:
    • Sonata No. 1 in La maggiore per violoncello e pianoforte, Op. 9 (1878)
    • Sonata No. 2 in Re minore per violoncello e pianoforte, Op. 39 (1893)
    • Tre Intermezzi per clarinetto e pianoforte, Op. 13 (1880)
    • Sonata per clarinetto (o viola) e pianoforte, Op. 129 (1912)
  • Altri lavori per archi e pianoforte:
    • Quartetto per pianoforte No. 1 in Fa maggiore, Op. 15 (1879)
    • Quartetto per pianoforte No. 2, Op. 133 (1912)
    • Quintetto per pianoforte in Re minore, Op. 25 (1887)
  • Serenata in Fa maggiore per Nonet, Op. 95 (1906)
  • Fantasia No. 1 in Sol minore per clarinetto e quartetto d'archi, WoO (1921)
  • Fantasia No. 2 in Fa maggiore per clarinetto e quartetto d'archi, WoO (1922)
  • Fantasia per corno e quartetto d'archi in La minore, WoO (1922)

Musica per pianoforteModifica

  • Toccata in Do maggiore, Op. 3
  • Tre rapsodie di 'Dante', Op. 92
  • Sei pezzi caratteristici, Op. 132
  • 24 preludi in tutte le chiavi, Set I, Op. 163
  • Ballata, Op. 170
  • 24 preludi in tutte le chiavi, Set II, Op. 179

Musica per organoModifica

  • Preludi corali (8)
  • Preludi corali, Op. 182
  • Fantasia e Toccata, Op. 57 (1894, rivista nel 1917)
  • Fantasia on Intercessor, Op. 187
  • Quattro Intermezzi
  • Idillio e Fantasia, Op. 121
  • Intermezzo sulla Londonderry Air, Op. 189
  • Preludio e fuga in Mi minore
  • Quasi una Fantasia (1921)
  • Sei prelude occasionali, due libri
  • Sei preludi, Op. 88
  • Sei brevi preludi e postludi, Op. 101
  • Sei brevi preludi e postludi, Op. 105
  • Sonata No. 1, Op. 149 (1917)
  • Sonata No. 2, Op. 151 (1917)
  • Sonata No. 3, Op. 152 (1918)
  • Sonata No. 4, Op. 153 (1920)
  • Sonata No. 5, Op. 159 (1921)
  • Fantasia Te Deum Laudamus
  • Tre preludi e fughe, Op. 93 (1923)
  • Toccata e fuga in Re minore (1907)
  • Fantasia e fuga in Re minore, Op. 103 (1907)

NoteModifica

  1. ^ a b c Christopher Howell, Stanford and Musical Quotation, su musicweb-international.com, MusicWeb International, 1997. URL consultato il 9 febbraio 2013.
  2. ^ a b c d John France, STANFORD Cello Concerto, Piano Concerto No. 3 SRCD321: Classical CD Reviews, su musicweb-international.com, MusicWeb International, agosto 2007. URL consultato il 9 febbraio 2013.
  3. ^ OCLC 270569607

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica