Consorzio di bonifica Destra Piave

Il consorzio di Bonifica Destra Piave era un'istituzione regionale del Veneto che aveva il compito di tutelare, monitorare e operare su alcuni corsi d'acqua (e sui relativi bacini idrici) compresi tra le provincie di Treviso e, in parte, di Venezia.

Comprende un territorio 52.995 ettari di superficie, interessando in tutto 27 comuni (tra cui Treviso). L'area si estende sulla zona delimitata ad est dal Piave e ad ovest dal Sile. È divisa inoltre in due parti di uguale estensione dalla fascia delle risorgive. I principali bacini idrografici che ricadono sulla sua competenza sono (del tutto o in parte) quello del Sile, del Piave, del Giavera, del Vallio, del Musestre e del Meolo.

Fu istituito con il provvedimento della Giunta Regionale n°488 del 21 dicembre 1977, unendo i preesistenti consorzi Canale della Vittoria e Vallio, Meolo e Musestre, oltre alla zona di Quinto di Treviso che non apparteneva ancora ad alcun consorzio.

All'inizio del 2010 è stato unito ai consorzi di bonifica Pedemontano Sinistra Piave e Brentella di Pederobba per formare il nuovo consorzio di bonifica Piave con sede a Montebelluna.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Agricoltura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di agricoltura