Apri il menu principale
Conte zio
I promessi sposi-362.jpg
il Conte zio in un'illustrazione dell'"edizione quarantana" dei Promessi sposi
UniversoI promessi sposi
AutoreAlessandro Manzoni
1ª app. inFermo e Lucia
Ultima app. inI promessi sposi
Specieumano
SessoMaschio
Etniaitaliano

Conte zio è un personaggio dei Promessi Sposi e, nel romanzo, compare come lo zio di don Rodrigo e del conte Attilio. Lo incontriamo per la prima volta nel capitolo XI, ma entra nell'azione della vicenda nel capitolo XVIII, proprio a metà libro, ed è presentato con metodo ribaltato rispetto al solito: prima vi è la sua descrizione diretta da parte del narratore onnisciente, poi la verifica di tali caratteristiche "sul campo", grazie al colloquio con il padre provinciale.

Scrisse Manzoni:

«Il conte zio, togato, e uno degli anziani del consiglio, vi godeva un certo credito; ma nel farlo valere, e nel farlo rendere con gli altri, non c'era il suo compagno»

Si capisce che il conte zio era un uomo di estremo prestigio, e questo era aumentato soprattutto dopo un viaggio a Madrid, nel palazzo reale, dal Re di Spagna; il suo volere era difficilmente contrastabile ed aveva in mano un grande potere.[1] Nella storia, il conte Attilio gli chiede aiuto riguardo a Fra Cristoforo.

Il conte invita dunque il padre provinciale ad un incontro ben preparato, per far capire al religioso chi comanda (si è circondato, per l'occasione, delle più alte cariche politiche: parenti altolocati e sprezzanti, clienti ossequiosi o fidati ecc. che si comportavano con "sprezzatura signorile"). Il padre provinciale capisce e infatti, dopo mille tentennamenti, viene convinto ad allontanare da Pescarenico il Padre Cristoforo. Negli ultimi capitoli del romanzo il conte zio muore, ucciso dalla peste.

Eugenio Donadoni[2] scrive che quella del conte Zio è un'autorità "d'influenza", esercitata a fine malefico. È un anonimo, che ha la forza della sua nullità, la consapevolezza del suo niente divenuto una potenza, è ombroso del suo credito, del suo sangue, del suo nome, che son tutto per lui; la sua vanità si trasforma in ingiustizia e l'uomo ridicolo diventa cattivo. Nel colloquio con il padre provinciale appare esperto diplomatico; la sua prudenza (che è spesso viltà ed egoismo) è la sua virtù. È vacuo non men che cattivo, irriducibilmente testardo e puntiglioso. Punta alla carriera, avveduto e scaltro, ambiguo nei comportamenti ma vuoto dietro l'apparenza, " come quelle scatole.....con su certe parole arabe, e dentro non c'è nulla.

NoteModifica

  1. ^ "A Roma si va per più strade, a Madrid egli andava per tutte. Parlò della corte, del conte duca, de' ministri, della famiglia del governatore, delle cacce del toro, che lui poteva descriver benissimo, perché le aveva godute da un posto distinto, dell'Escorial di cui poteva render conto a puntino, perché un creato del conte duca l'aveva condotto per tutti i buchi". (Cap. XIX).
  2. ^ Scritti e discorsi letterari, Firenze, Sansoni, 1921, p. 313 ss.
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura