Apri il menu principale

Coroncina alla Divina Misericordia

coroncina alla divina misericordia

StoriaModifica

Le sue origini risalgono ad una rivelazione privata che Santa Faustina Kowalska afferma di aver ricevuto da Gesù nel 1935 e nella quale le avrebbe richiesto una particolare forma di preghiera detta Coroncina alla Divina Misericordia.[1] Secondo suor Faustina, particolari grazie sarebbero state concesse a chi avrebbe recitato questa preghiera[2].

Promesse di CristoModifica

La mia misericordia avvolgerà in vita e specialmente nell'ora della morte le anime che reciteranno questa coroncina[3]. Per la recita di questa coroncina mi piace concedere tutto ciò che mi chiederanno[4]. I sacerdoti la consiglieranno ai peccatori come ultima tavola di salvezza; anche se si trattasse del peccatore più incallito se recita questa coroncina una volta sola, otterrà la grazia della mia infinita misericordia[5]. Quando vicino ad un agonizzante viene recitata questa coroncina, si placa l’ira di Dio e l’imperscrutabile misericordia avvolge l’anima[6].

PopularitàModifica

La preghiera entra nella tradizione della Chiesa e si diffonde soprattutto a seguito dell'istituzione della Festa della Misericordia ad opera di Giovanni Paolo II così da essere poi consigliata dai successori come papa Francesco[7] ed essere pregata, al pari del rosario anche attraverso i media.[8]

La preghieraModifica

La coroncina della Divina Misericordia si recita utilizzando la corona di un rosario.[2]

  • Si inizia recitando, dopo il segno della croce, un Padre nostro, un Ave Maria e il Credo (nella versione del "Simbolo degli Apostoli").
  • Sui cinque grani maggiori del rosario si dice: «Eterno Padre, io Ti offro il Corpo e il Sangue, l'Anima e la Divinità del Tuo dilettissimo Figlio e Signore Nostro, Gesù Cristo, in espiazione dei nostri peccati e di quelli del mondo intero.»[9]
  • Sui cinquanta grani minori si dice: «Per la Sua dolorosa Passione, abbi misericordia di noi e del mondo intero.»[9]
  • Al termine si dice per tre volte: «Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale, abbi pietà di noi e del mondo intero.»[9]
  • La preghiera termina con la seguente invocazione: «O Sangue ed Acqua che scaturisti dal Cuore di Gesù come sorgente di misericordia per noi, confido in te!»; ed infine nuovamente il segno della croce.

Immagine di Gesù MisericordiosoModifica

 
Gesù misericordioso dipinto da Kazimirowski.
 Lo stesso argomento in dettaglio: Immagine di Gesù Misericordioso.

L'immagine raffigura Gesù misericordioso, ovvero con la mano destra alzata, e due raggi che escono dal cuore, uno bianco e uno rosso, rappresentanti rispettivamente l'acqua ed il sangue. Gesù è raffigurato con una tunica bianca, contornata da luce, su sfondo blu, e riporta in basso la frase «Jezu, ufam tobie» ("Gesù, confido in te"). È la rappresentazione artistica delle visioni che suor Faustina afferma di aver avuto.

L'immagine fu dipinta per la prima volta a Vilnius in Lituania dall'artista Eugeniusz Kazimirowski, dopo che il suo vicino di casa e direttore spirituale di suor Faustina, don Michał Sopoćko, gli aveva parzialmente detto della missione che suor Faustina affermava di aver ricevuto. Il pittore impiegò circa sei mesi per completare l'opera ordinatagli e sotto la continua presenza e controllo della suora e del prete. Suor Faustina era particolarmente esigente e domandava continuamente correzioni o aggiunte di dettagli, per ottenere un'immagine fedele alla visione. Il volto del dipinto combacia correttamente con il volto della Sacra Sindone.

NoteModifica

  1. ^ Diario, 474-476 (13.IX.1935).
  2. ^ a b La coroncina
  3. ^ Diario, 754 (XI.1936) La storia della coroncina
  4. ^ Diario, 1541 (28.I.1938).
  5. ^ Diario, 687 (nel 1936) Santuario della Divina Misericordia
  6. ^ Diario, 811 (11.XII.1936) Congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia
  7. ^ Vatican Insider, su lastampa.it, 17-11-2013. URL consultato il 23 aprile 2019.
  8. ^ Tv 2000 - la preghiera della Divina Misericordia, su tv2000.it. URL consultato il 23 aprile 2019.
  9. ^ a b c Diario, 476.

BibliografiaModifica

  • Santa Maria Faustina Kowalska, Diario, 12ª ed., Città del Vaticano, Libreria editrice vaticana, 2010.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo