Corpo delle guardie doganali

Corpo delle guardie doganali
Descrizione generale
Attiva13 novembre 1862 - 8 aprile 1881
NazioneItalia Italia
ServizioForze armate italiane
Tipocorpo di gendarmeria paramilitare
RuoloControllo del traffico doganale,dei commerci e dell'economia internazionale
Guarnigione/QGTorino, poi Firenze e poi Roma
Parte di
Amministrazione delle gabelle
Rege dogane
http://www.csp.bs.it/index_file/Page857.htm
Voci su gendarmerie presenti su Wikipedia

Il corpo delle guardie doganali era un reparto paramilitare del Regno d'Italia inserito nell'amministrazione delle gabelle, inizialmente alle dipendenze delle Regie dogane, con compiti di vigilanza confinaria, e doganale e di concorso in tempo di guerra alla difesa dello Stato, istituito con la legge 13 maggio 1862, n. 616.

Fu costituito sul telaio del preesistente Corpo dei preposti doganali del Regno di Sardegna, di matrice napoleonica, e riuniva in un'unica organizzazione il reparto sabaudo con i componenti dei disciolti e variegati corpi e milizie di finanza degli Stati preunitari italiani.

Dopo l'assorbimento delle analoghe organizzazioni lombardo-venete e pontificia, in seguito alle campagne militari del 1866 e del 1870, e l'attribuzione progressiva di ulteriori compiti di istituto di natura tributaria, allo scopo di risolvere problematiche organizzative insuperabili a causa della resistenza dell'amministrazione doganale, il corpo fu posto alle dipendenze delle neoistituite Intendenze di Finanza e con la legge 8 aprile 1881, n. 149, ne fu mutata la denominazione in quella di Corpo della Regia Guardia di Finanza, mantenendo da un punto di vista organizzativo e istituzionale gran parte delle disposizioni previgenti.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN137560408 · WorldCat Identities (ENviaf-137560408