Apri il menu principale

Costantino I de Lacon-Serra

re
Costantino I
Giudice di Arborea
In carica fine XII secolo - 1131
Nome completo Costantino de Lacon-Serra
Morte 1131
Dinastia Lacon-Serra-Zori
Padre Gonnario II
Madre Elena de Orrubu
Consorte Anna de Zori
Figli Comita II, Orzocco

Costantino I de Lacon-Serra (... – 1131) fu giudice del Regno di Arborea.

BiografiaModifica

La durata del suo regno è incerta, ma fu probabilmente in carica all’inizio del XII secolo. Il suo regno fu dominato dalla guerra fra Genova e Pisa che durò dal 1119 al 1133. Constantino strinse un'alleanza fra Arborea e la Repubblica di Pisa. Il suo regno seguì la Riforma gregoriana della Chiesa Cattolica Romana ed i suoi maggiori effetti in Sardegna. Come i suoi predecessori, Constantino probabilmente pagava un tributo annuale al Papa di 1100 bisanti. Accettò quindi la protezione del Papa e di Pisa favorendo l'espansione del monachesimo sull'Isola. Questo apportò miglioramenti economici e tecnologici, come ad esempio i monaci che immigrando sull'Isola per divulgare i dettami della nuova Riforma Gregoriana, portarono anche libri e nuove conoscenze sulle tecniche di costruzione e sull'agricoltura. Esiste qualche divergenza sulla fondazione di Santa Maria di Bonarcado, ma pare che Constantino ne dispose la costruzione attorno all'anno 1100. La mise sotto l'autorità dell'abbazia camaldolese di San Zenone a Pisa anziché del monastero di San Vittore di Marsiglia, che era la grande potenza monastica del rivale Giudicato di Cagliari. Secondo una carta di suo nipote Barisone II nel 1182, fondò un monastero, San Nicolò di Urgen.

Secondo il Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, la moglie di Costantino fu Anna de Zori, della potente dinastia dei Lacon-Zori (De Thori) che gli diede due figli: Comita II, che gli succedette nel 1131, e Orzocco.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica