Apri il menu principale

Geografia fisicaModifica

StoriaModifica

Il comune di Crans-Montana è stato istituito il 1º gennaio[senza fonte] 2017 con la fusione dei comuni soppressi di Chermignon, Mollens, Montana e Randogne[2]; capoluogo comunale è Chermignon.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

L'aria particolarmente secca di Crans-Montana ha fatto sorgere dal XIX secolo numerosi sanatori che sono stati nel passato meta di pazienti da tutto il mondo con malattie respiratorie[3][4]. Tra questi era nota l'assidua presenza della poetessa Emily Dickinson e della scrittrice Katherine Mansfield[senza fonte].

CulturaModifica

EventiModifica

La località è nota internazionalmente quale meta del jet-set internazionale per la sua mondana vita notturna, specialmente durante la stagione invernale. Ogni anno, verso il periodo pasquale, è sede del Caprices Festival, festival di musica internazionale[senza fonte].

Geografia antropicaModifica

FrazioniModifica

SportModifica

Sport invernaliModifica

 
Piste sciistiche

Rilevante stazione sciistica sviluppatasi a partire dai primi anni del XX secolo (località Crans-sur-Sierre)[6] e specializzata nello sci alpino, Crans-Montana ha ospitato tra l'altro i Campionati mondiali 1987, i Campionati mondiali juniores 2011 e numerose tappe della Coppa del Mondo e della Coppa Europa della disciplina. Offre circa 140 km[senza fonte] di piste e oltre allo sci alpino è possibile praticare snowboard, sci di fondo (per una superficie complessiva sciabile di 350 km[senza fonte]) e varie altre attività sportive invernali. È stata sede dei Giochi olimpici invernali silenziosi del 1959.

Altri sportModifica

Crans-Montana ha ospitato i Campionati del mondo di corsa in montagna 2008 ed è sede del più importante[senza fonte] golf club svizzero, il Golf Club Crans-sur-Sierre, fondato nel 1907[6]. Il percorso di 18 buche prende il nome dal campione iberico che ne ha ridisegnato il tracciato Severiano Ballesteros. A settembre di ogni anno si tiene l'Omega European Masters-PGA[senza fonte].

NoteModifica

  1. ^ Léon Warnant, Dictionnaire de la prononciacion française, 2ª ed., Gembloux, Duculot, 1968.
  2. ^ Crans-Montana, 16 gennaio 2017, Dizionario storico della Svizzera. URL consultato il 21 marzo 2018.
  3. ^ a b Hugues Rey, Montana, 19 gennaio 2017, Dizionario storico della Svizzera. URL consultato il 21 marzo 2018.
  4. ^ a b Bernard Truffer, Randogne, 19 gennaio 2017, Dizionario storico della Svizzera. URL consultato il 21 marzo 2018.
  5. ^ Danielle Allet-Zwissig, Chermignon, 19 gennaio 2017, Dizionario storico della Svizzera. URL consultato il 21 marzo 2018.
  6. ^ a b c Bernard Monnet, Crans-sur-Sierre, 19 gennaio 2017, Dizionario storico della Svizzera. URL consultato il 21 marzo 2018.
  7. ^ Hugues Rey, Mollens, 19 gennaio 2017, Dizionario storico della Svizzera. URL consultato il 21 marzo 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN240012629 · GND (DE4275008-8 · WorldCat Identities (EN240012629
  Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Svizzera