Qrendi

(Reindirizzamento da Crendi)
Qrendi
consiglio locale
Il-Qrendi (già Crendi)
Qrendi – Stemma Qrendi – Bandiera
Qrendi – Veduta
Chiesa parrocchiale di Crendi
Localizzazione
StatoMalta Malta
RegioneMalta Scirocco
Amministrazione
SindacoCarmelo Falzon (MLP)
Data di istituzione30 giugno 1993
Territorio
Coordinate35°50′04″N 14°27′35.32″E / 35.834444°N 14.459811°E35.834444; 14.459811 (Qrendi)Coordinate: 35°50′04″N 14°27′35.32″E / 35.834444°N 14.459811°E35.834444; 14.459811 (Qrendi)
Altitudine111 m s.l.m.
Superficie4,9 km²
Abitanti2 800 (2019)
Densità571,43 ab./km²
Consigli locali confinantiMicabba, Zurrico
Altre informazioni
Cod. postaleQRD
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2MT-44
Nome abitanticrendino (m), crendina (f), crendini (pl)
Cartografia
Qrendi – Localizzazione
Sito istituzionale

Qrendi[1] (forma estesa in maltese Il-Qrendi, pronuncia 'Rendi; originariamente in italiano Crendi[2][3][4]) è un comune nel sud-ovest dell'isola di Malta con una popolazione di 2 725 abitanti. Si trova vicino a Micabba e Zurrico. I templi neolitici di Menaidra[5] e Agiar Chim[6] si trovano nel suo territorio. Gli abitanti sono definiti crendini.[7]

StoriaModifica

Storicamente, Crendi è apparso per la prima volta nei documenti della milizia nel 1417, in cui sono elencate 26 famiglie; in metà dei casi, i cognomi erano identici a quelli che si trovano oggi a Crendi. Ma Crendi era stata fondata molto prima. I complessi del tempio di Menaidra e di Agiar Chim furono costruiti nel 3800 aC. - uno dei primi edifici della storia umana. I resti delle tombe e delle catacombe nei campi, così come altri reperti preistorici indicano l'inizio antico dell'insediamento.

Per gratitudine per l'espulsione dei Turchi durante il primo grande assedio del 1565, venne dedicata una Cappella a Sant'Anna.

Durante la seconda guerra mondiale, Crendi e i suoi dintorni ospitavano una serie di guarnigioni britanniche che si preparavano ad agire contro le forze di Rommel in Nord Africa. Vicino a Crendi fu costruito un campo di volo per la pianificata invasione alleata della Sicilia e anche se questo sito è stato riconvertito ancora alcuni edifici e la pista di atterraggio possono essere identificato a nord del villaggio. Durante questo periodo Crendi subì anche bombardamenti, con distruzione di case e vittime. Tra gli edifici danneggiati vi fu anche la chiesa parrocchiale di San Matteo, che fu ricostruita dopo la guerra.

Nel corso del tempo, Crendi è cresciuta lentamente verso una popolazione a quattro cifre; Oggi ha poco più di 2 500 abitanti. Fino agli anni '90, gli abitanti vivevano principalmente di agricoltura, caccia e pesca. Il villaggio è cambiato parecchio negli ultimi anni a causa della costruzione di una nuova circonvallazione e di nuove zone di insediamento. La stazione degli autobus e una piazza di fronte alla chiesa parrocchiale sono state create rimuovendo le fondamenta di una vecchia casa di campagna.

Con la legge sui consigli locali del 1993 Crendi divenne una località con il proprio consiglio comunale; Cinque membri vengono eletti ogni tre anni e uno di loro diventa sindaco. Tra i loro compiti vi sono il mantenimento delle strade del villaggio, la pulizia delle strade e le decisioni sui parcheggio. È necessario concordare compiti maggiori con il governo e altre istituzioni. L'ufficio comunale è vicino alla piazza principale.

Crendi ha una propria scuola elementare e una scuola speciale.

NoteModifica

  1. ^ TCI 2007
  2. ^ 1953
  3. ^ Achille Ferris, Descrizione storica delle chiese di Malta e Gozo, 1866*. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  4. ^ Francesco Scalletari, CONDOTTA NAVALE E VERA RELATION DEL VIAGGIO DA CARLISTOT A MALTA, appresso i Heredi Widmanstadii, 1688. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  5. ^ (EN) John Thomas, Travels in Egypt and Palestine, Lippincott, Grambo, 1853. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  6. ^ G. Gregory, Isola di Sardegna, Stabilimento nazionale di G. Antonelli edit., 1847. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  7. ^ Achille Ferris, Descrizione storica delle chiese di Malta e Gozo, 1866*. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  8. ^ Storia universale dal principio del mondo sino al presente scritta da una compagnia di letterati inglesi; ricavata da' fonti originali, ed illustrata con carte geografiche, rami, note, tavole cronologiche ed altre; tradotta dall'inglese, con giunta di note, e di avvertimenti in alcuni luoghi: 54/32. 54, 1789. URL consultato il 23 gennaio 2021.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN317106552 · LCCN (ENnb2015015498
  Portale Malta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Malta