Apri il menu principale

Curia Hostilia

la più antica sede del Senato romano, situata nel Foro
(Reindirizzamento da Curia Ostilia)
Curia Hostilia
Forum of Roma before Caesar (IT).svg
La Curia Hostilia nel Foro prima dell'incendio del 52 a.C.
CiviltàCiviltà romana
UtilizzoRiunione del Senato romano
Epocaca. 650 a.C.-52 a.C.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneRoma
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°53′35″N 12°29′07″E / 41.893056°N 12.485278°E41.893056; 12.485278

La Curia Hostilia era il più antico luogo di riunione del Senato romano, costruito nel Comizio (nell'area del Foro) secondo la leggenda dal terzo re di Roma, Tullo Ostilio.[1]

DescrizioneModifica

Essendo un'area sacra agli auguri, era orientata sui punti cardinali, con un'aula rettangolare con il lato maggiore sull'asse nord-sud. Sempre nell'area del Comizio i senatori avevano a disposizione fin dalla prima età repubblicana anche la zona detta Senaculum.

Per la tradizione romana, Tarquinio il Superbo, dove aver spintonato il re Servio Tullio fuori dalla Curia, lo scagliò giù dalla scalinata dell'edificio.[2]

Manio Valerio Massimo Corvino Messalla vi fece dipingere un affresco che raffigurava la vittoria da lui conseguita ad Imera, in seguito alla quale gli era stato concesso il trionfo.

L'edificio fu ampliato all'epoca di Silla (80 a.C.), quando il numero dei membri del Senato venne portato da 300 a 600.

L'edificio della Curia venne in seguito distrutto da un incendio nel 52 a.C., durante il funerale di Publio Clodio Pulcro e venne ricostruito dal figli di Silla. All'epoca della costruzione del Foro di Cesare venne definitivamente demolita e al suo posto venne costruita una struttura più imponente, la Curia Iulia, che nella forma della ristrutturazioni successive è sopravvissuta fino ad oggi. La Curia Hostilia oggi invece si trova sotto la chiesa dei Santi Luca e Martina.

Galleria d'immaginiModifica

Curia Hostilia

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Filippo Coarelli, Guida archeologica di Roma, Verona, Arnoldo Mondadori Editore, 1984.

CollegamentiModifica

  È raggiungibile dalla stazione Colosseo.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica