Dave LaRue

bassista statunitense
Dave LaRue
Davelarue.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereJazz
Fusion
Rock
Rock progressivo
Periodo di attività musicale1976 – in attività
Strumentobasso
EtichettaAudioImage Records
Gruppi attualiFlying Colors
Gruppi precedentiDixie Dregs, Vinnie Moore, Hammer of the Gods, The Connection
Album pubblicati1
Studio1
Sito ufficiale

Dave LaRue (East Brunswick, 19??) è un bassista statunitense.

Ha suonato con i Dixie Dregs dal 1988 al 2017 e con la Steve Morse Band dal 1989. Ha lavorato anche con John Petrucci, Mike Portnoy, Derek Sherinian e Jordan Rudess.

Suona con i bassi Music Man, in particolare i modelli "Sterling" e "StingRay 5" e ha contribuito fattivamente allo sviluppo della linea "Bongo" che include modelli a 4 o 5 corde con o senza tasti. Da marzo a settembre 2006 ha suonato con Joe Satriani nel Super Colossal tour.[1]

Nel 2010,Dave LaRue è diventato un membro del supergruppo Flying Colors assieme al suo compagno di lunga data Steve Morse.[2]

DiscografiaModifica

Da solistaModifica

  • 1992 Hub City Kid

Con i Dixie DregsModifica

  • Bring 'Em Back Alive (1992)
  • Full Circle (June 7, 1994)
  • California Screamin' (February 1, 2000)

Con Steve MorseModifica

Con Vinnie MooreModifica

Con T LavitzModifica

  • 1984 Extended Play
  • 1986 Storytime
  • 1987 From the West

Con John PetrucciModifica

Con Joe SatrianiModifica

  • 2006 Satriani Live!

Con i Flying ColorsModifica

 
Dave in concerto con i Flying Colors a Tilburg il 20 settembre 2012

Con gli Hammer of the GodsModifica

  • 2006 Two Nights in North America

Con Jordan RudessModifica

  • 2004 Rhythm of Time

Altre collaborazioniModifica

DVDModifica

  • 2002 Steve Morse - Sects, Dregs & Rock 'n' Roll
  • 2005 Steve Morse Band - Live In Baden-Baden Germany March 1990
  • 2005 John Petrucci - G3 Live in Tokyo
  • 2006 Hammer of the Gods - Two Nights in North America
  • 2006 Joe Satriani - Satriani Live!

NoteModifica

  1. ^ (EN) joe satriani - road - archives - 2006 supercolossal shows, su Joe Satriani. URL consultato il 15 luglio 2011.
  2. ^ (EN) Flying Colors - Band, su Flying Colors. URL consultato il 22 febbraio 2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN17529299 · ISNI (EN0000 0000 1117 9924 · Europeana agent/base/83621 · BNF (FRcb15506275m (data) · WorldCat Identities (ENviaf-17529299