De remediis utriusque fortunae

De remediis utriusque fortunae
Titolo originaleDe remediis utriusque fortunae
Kulturbilder 325.jpg
L'assalto di briganti a una nave. Xilografia dal De remediis utriusque fortunae di Petrarca nella versione tedesca datane da Sebastian Brant
AutoreFrancesco Petrarca
1ª ed. originale1360-1366
Generedialoghi
Lingua originalelatino

Il De remediis utriusque fortune è una raccolta di brevi dialoghi scritti in prosa latina da Francesco Petrarca.

Venne redatta all'incirca tra il 1360 e il 1366 ed è composta da 254 scambi di battute tra entità allegoriche: prima il "Gaudio" e la "Ragione", poi il "Dolore" e la "Ragione".

Simile ai precedenti Rerum memorandarum libri, questi dialoghi hanno scopi educativi e moralistici, proponendosi di rafforzare l'individuo contro i colpi della Fortuna sia buona che avversa.

Nel primo libro, la "Ragione" dialoga con la "Gioia" e la "Speranza" (122 dialoghi), nel secondo con il "Dolore" e il "Timore", spiegando come affrontare i diversi casi della vita, quali calamità naturali, cariche pubbliche, cure familiari, guerre. In altre parole, è come una guida che insegna la via migliore di comportarsi di fronte alla buona e alla cattiva sorte.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN183506212 · LCCN (ENn85350504 · GND (DE4126318-2 · BNF (FRcb12422635b (data) · NLA (EN35419496 · WorldCat Identities (ENn85-350504