Xilografia

tecnica di stampa a rilievo
Disambiguazione – Se stai cercando la rivista italiana, vedi Xilografia (rivista).

La xilografia, o silografia (dal Greco Antico xýlon, “legno” e gráphein, “scrivere”) è una tecnica d'incisione in rilievo in cui si asportano dalla parte superiore di una tavoletta di legno le parti non costituenti il disegno[1].

Incisione con tecnica xilografica
per Gottfried „Götz“ von Berlichingen
Basilica Palladiana di Vicenza, 1546. Incisione xilografica da "I Quattro libri dell'Architettura" di Andrea Palladio.

Le matrici vengono inchiostrate e utilizzate per la realizzazione di più esemplari dello stesso soggetto (su carta e a volte su seta), tramite la stampa con il torchio. Dato che la xilografia è un tipo di incisione in rilievo, non è difficile inserire la matrice di legno nelle forme tipografiche, stampando così testo e immagini contemporaneamente. Questa caratteristica della xilografia rende il processo di stampa molto economico, infatti fu usata soprattutto per i "testi popolari". Una storica stamperia specializzata in stampe popolari fu quella italiana dei Remondini di Bassano del Grappa (metà XVII secolo-metà XIX secolo).

Storia modifica

 
Madonna del Fuoco, Cattedrale di Santa Croce, Forlì.

Legni incisi per le stoffe esistevano già in Egitto, adottati dai Copti nel V e VI secolo d.C. La tecnica è di origine cinese e le prime stampe su carta risalgono all'VIII secolo d.C. L'incisione ebbe poi grandissimo sviluppo con l'invenzione e la diffusione della carta. In Europa fin dal XIV secolo si producono le prime xilografie (o silografie). Fra le più antiche oggi esistenti, una delle più note, anche per motivi religiosi, è quella della Madonna del Fuoco di Forlì[2]. Il più antico testo che parla di legni incisi è il Trattato della pittura o libro dell'arte di Cennino Cennini del 1437.

Nel Cinquecento l'incisione diventa il mezzo per illustrare i primi libri a stampa. Grandi incisori per qualità di fermezza e decisione sono i pittori Holbein il Vecchio, Lucas Cranach e Dürer. Nel XVI secolo si diffuse la tecnica di incisione detta a chiaroscuro con due, tre e quattro legni. Francesco di Pellegrino utilizzò questa tecnica. Non si sa se l'invenzione sia da attribuirsi all'olandese Jost de Negker, che rivendicò l'invenzione nel 1512, o all'emiliano Ugo da Carpi, che nel 1516 chiese alla Repubblica di Venezia il riconoscimento di paternità.

Gli incisori utilizzano legni morbidi e facili da lavorare, tagliati nel senso della venatura. In questo modo si facilita il lavoro dell'incisore, ma le matrici si deteriorano velocemente. Già all'inizio del XVI secolo il legno è quasi abbandonato, sostituito dalle matrici in metallo.

La xilografia di testa modifica

 
De humani corporis fabrica, xilografia 164. Edizione del 1543

Nell'Ottocento la xilografia conosce un nuovo periodo di grande utilizzo, soprattutto per illustrare libri e giornali. In questo periodo si impara ad utilizzare legni molto duri, soprattutto il bosso, e tagliati in senso perpendicolare alla venatura (xilografia di testa o nuova xilografia). Questa innovazione è dovuta a Thomas Bewick che, al contempo, introdusse l'uso del bulino al posto delle sgorbie, necessarie per la tecnica di filo. Con queste caratteristiche le matrici, difficili da lavorare, riescono tuttavia a realizzare tirature anche molto elevate, nell'ordine delle diverse migliaia di esemplari. L'utilizzo della xilografia si sviluppa in particolare dal 1840 circa fino ai primi del Novecento.

 
Xilografia colorata di Buddha

In epoche più recenti, come materiale base per l'incisione xilografica, in luogo del legno si è usato il linoleum e anche un materiale ancora più tenero, l'Adigraf. Agli inizi del Novecento ad Adolfo De Carolis va il merito della brillante rinascita in Italia della xilografia, quando già altre forme di riproduzioni fotomeccaniche avevano invaso il campo dell'incisione. Già nel 1903 la rivista Il Leonardo, che si stampava a Firenze, pubblica le prime xilografie di A. De Carolis di impronta rinascimentale insieme a quelle di G. Costetti, A. Spadini, G. Viner e altri. La rivista L'Eroica di Ettore Cozzani a La Spezia divenne in quel tempo l'organo ufficiale degli xilografi italiani organizzando, nel 1912, la prima Mostra degli xilografi e incisori italiani con relativo catalogo.

La xilografia a legno perso o matrice / forma persa o matrice unica modifica

È un procedimento xilografico che prevede l’utilizzo di un’unica matrice (o forma di stampa, o blocco, o lastra) che di volta in volta è intagliata (o incisa) e impressa sui medesimi supporti, generalmente fogli di carta, per realizzare stampe a più colori. In pratica, anziché utilizzare, per esempio, tre matrici per i tre colori previsti, si adopera un’unica lastra che è progressivamente intagliata e stampata a registro su tutti i fogli previsti per l’edizione. Generalmente i colori sono stampati partendo dal più tenue per concludere con quello più scuro. È possibile anche stampare il primo colore sulla matrice intonsa, proseguendo poi con i vari passaggi intaglio-stampa. Al termine di questo processo, quindi a edizione conclusa, la matrice è praticamente inutilizzabile per la stampa di altri esemplari in quanto ha perso buona parte del rilievo. Solitamente la xilografia a legno perso è realizzata su matrici di legno di filo ma è possibile usare anche matrici di testa o altri materiali come linoleum, legno compensato, MDF, Forex o altro. Si tratta dello stesso procedimento utilizzato sul finire degli anni ’50 del ventesimo secolo da Pablo Picasso per la realizzazione di linoleografie a colori[3], successivamente divulgato attraverso varie esposizioni monotematiche. La dizione a “legno perso” è stata impiegata inizialmente dallo xilografo Remo Wolf in un articolo nel quale era descritto questo metodo, illustrato con le progressive di stampa di una propria opera.[4]

In Italia questo metodo è stato utilizzato dall’incisore cremonese Sergio Tarquinio[5] fin dalla fine degli anni ’40,[6] dal trentino Remo Wolf a partire dal 1969,[7] dal milanese Gianni Marchello a partire dagli anni ’70,[8] dal salernitano Alberto Trotta negli anni ’80[8] e dal cremonese Franco Cimardi.[8] Ciascuno di questi artisti ha prodotto un corpus di opere a legno perso nell’ordine di diverse decine, altri artisti hanno praticato questo procedimento in modo più saltuario o occasionale.[8]

Artisti di rilievo modifica

Note modifica

  1. ^ Giuliano Vigini, Glossario di biblioteconomia e scienza dell'informazione, Milano 1985, pag. 107.
  2. ^ ingfo.unibo.it Archiviato il 27 maggio 2014 in Internet Archive.
  3. ^ Mario De Micheli (a cura di), Scritti di Picasso, Milano, Feltrinelli, 1964, pp. 81 e seg.
  4. ^ Remo Wolf, Incisioni xilografiche a legno perso, Venezia, l’incisione, n. 4, II trimestre 1972, pp. 33-36.
  5. ^ Vladimiro Elvieri (a cura di), Sergio Tarquinio – L’opera incisa, Cremona, Comune di Cremona, 2002.
  6. ^ Priamo Pedrazzoli, Giovanni Daprà, ‘’Sergio Tarquinio. Cromoxilografia a legno perso’’, Milano, Authors publishers, 2021, ISBN 979-12-20092-63-0.
  7. ^ Priamo Pedrazzoli, Giovanni Daprà, ‘’Remo Wolf - Xilografia a legno perso’’, Lavis (TN), Esperia, 2010, ISBN 978-88-88203-47-8.
  8. ^ a b c d Priamo Pedrazzoli (a cura di), ‘’Xilografia a legno perso. La storia, la tecnica, gli autori’’, Scurelle (TN), Litodelta, 2023, ISBN 978-88-97634-53-9.

Bibliografia modifica

  • Passerini Lucio, Xilografia – I materiali, gli strumenti, le tecniche, la storia della stampa a rilievo, Milano, Il Castello, 1991.
  • Maltese Corrado (ideazione e coordinamento), Le tecniche artistiche, Milano, Ugo Mursia, 1973.
  • Petit Pierre, Guida all’incisione, Torino, Ulisse Edizioni, 1988.
  • Chieppa Manlio, Remo Wolf xilografo, Arterama, Milano, Mimar, 1982 n. 2, p. 21.
  • Dragone Angelo, In undici da Trento, La Stampa, Torino, 1979, 11 marzo, p. 9.
  • Priamo Pedrazzoli e Giovanni Daprà, Remo Wolf – Xilografia a legno perso, Lavis (Tn), Esperia, 2010, ISBN 978-88-88203-47-8.
  • Priamo Pedrazzoli e Giovanni Daprà, Sergio Tarquinio – Cromoxilografia a legno perso, Milano, Authors publishers, 2021, ISBN 979-12-20092-63-0.
  • Priamo Pedrazzoli, Xilografia a legno perso. La storia, la tecnica, gli autori, Scurelle (Tn), Litodelta, 2023, ISBN 978-88-97634-53-9.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 8887 · LCCN (ENsh85147844 · GND (DE4025736-8 · J9U (ENHE987012403426805171 · NDL (ENJA00567789
  Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte