Detlef Lohse

Detlef Lohse (Amburgo, 15 settembre 1963) è un fisico tedesco, noto per i suoi contributi alla meccanica dei fluidi.[1][2]

Detlef Lohse nel 2005

BiografiaModifica

Lohse si è laureato in fisica all'Università di Bonn nel 1989, e ha conseguito il dottorato di ricerca presso l'Università di Marburg nel 1992. È stato poi post-doc presso l'Università di Chicago dal 1993 al 1995, e, dopo essere tornato temporaneamente in Germania presso l'Università di Marburg e l'Università Ludwig Maximilian di Monaco, ha infine ottenuta una cattedra in fisica dei fluidi presso l'Università di Twente, nei Paesi Bassi, nel 1998.[3]

RicercheModifica

Lohse si è occupato fra le altre cose di dinamica delle bolle (fra cui la sonoluminescenza[4] e la cavitazione[5]), relazioni di scaling in convezione turbolenta[6] (in particolare nella convezione di Rayleigh-Bénard), micro e nanofluidità, materia granulare,[7] flussi bifase ed acustica ultrasonica, sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Il suo risultato più noto è stata la descrizione, assieme ad altri autori, della sonoluminescenza a singola bolla,[8] della quale fu poi in grado di realizzare un diagramma di fase,[9] e di spiegarla in termini di bremsstrahlung termico.[4] Si è occupato anche della generazione di fenomeni di cavitazione da parte dei gamberi pistola.[5]

Premi e riconoscimentiModifica

Detlef Lohse è inoltre membro della Reale Accademia olandese di arti e scienze,[13] dell'Accademia Cesarea Leopoldina,[14] della National Academy of Engineering statunitense[15] e fellow dell'American Physical Society.[16]

NoteModifica

  1. ^ a b Detlef Lohse: Balzan Prize for Fluid Dynamics, su balzan.org. URL consultato il 25 marzo 2022.
  2. ^ a b (EN) 2017 Fluid Dynamics Prize Recipient, su aps.org. URL consultato il 25 marzo 2022.
  3. ^ Physics of Fluids - People, su pof.tnw.utwente.nl. URL consultato il 25 marzo 2022.
  4. ^ a b Michael P. Brenner, Sascha Hilgenfeldt e Detlef Lohse, Single-bubble sonoluminescence, in Reviews of Modern Physics, vol. 74, n. 2, 13 maggio 2002, pp. 425–484, DOI:10.1103/RevModPhys.74.425. URL consultato il 25 marzo 2022.
  5. ^ a b Michel Versluis, Barbara Schmitz, Anna von der Heydt, Detlef Lohse, How Snapping Shrimp Snap: Through Cavitating Bubbles, in Science, vol. 289, n. 5487, 22 settembre 2000, pp. 2114–2117, DOI:10.1126/science.289.5487.2114. URL consultato il 25 marzo 2022.
  6. ^ Guenter Ahlers, Siegfried Grossmann e Detlef Lohse, Heat transfer and large scale dynamics in turbulent Rayleigh-B\'enard convection, in Reviews of Modern Physics, vol. 81, n. 2, 22 aprile 2009, pp. 503–537, DOI:10.1103/RevModPhys.81.503. URL consultato il 25 marzo 2022.
  7. ^ Peter Eshuis, Ko van der Weele e Devaraj van der Meer, Phase diagram of vertically shaken granular matter, in Physics of Fluids, vol. 19, n. 12, 1º dicembre 2007, pp. 123301, DOI:10.1063/1.2815745. URL consultato il 25 marzo 2022.
  8. ^ (EN) Sascha Hilgenfeldt, Siegfried Grossmann e Detlef Lohse, A simple explanation of light emission in sonoluminescence, in Nature, vol. 398, n. 6726, 1999-04, pp. 402–405, DOI:10.1038/18842. URL consultato il 25 marzo 2022.
  9. ^ Sascha Hilgenfeldt, Detlef Lohse e Michael P. Brenner, Phase diagrams for sonoluminescing bubbles, in Physics of Fluids, vol. 8, n. 11, 1º novembre 1996, pp. 2808–2826, DOI:10.1063/1.869131. URL consultato il 25 marzo 2022.
  10. ^ (NL) Prof. dr. D. (Detlef) Lohse, su nwo.nl. URL consultato il 25 marzo 2022.
  11. ^ (EN) The Batchelor Prize in Fluid Mechanics – IUTAM, su iutam.org. URL consultato il 25 marzo 2022.
  12. ^ (DE) Preisträgerinnen und Preisträger, su DPG. URL consultato il 25 marzo 2022.
  13. ^ (NL) Lohse, Prof. dr. D. (Detlef) — KNAW, su knaw.nl. URL consultato il 25 marzo 2022.
  14. ^ (EN) List of Members, su Nationale Akademie der Wissenschaften Leopoldina. URL consultato il 25 marzo 2022.
  15. ^ (EN) Professor Detlef Lohse, su nae.edu. URL consultato il 25 marzo 2022.
  16. ^ (EN) APS Fellow Archive, su aps.org. URL consultato il 25 marzo 2022.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN290423020 · ISNI (EN0000 0003 9569 3534 · ORCID (EN0000-0003-4138-2255 · GND (DE1209065398 · WorldCat Identities (ENviaf-290423020