Diffusione (editoria)

numero di copie di una pubblicazione consegnate ai lettori

In editoria si definisce diffusione il numero di copie di una pubblicazione consegnate ai lettori[1]. Si calcola sottraendo alla tiratura (il numero di copie stampate ad eccezione degli scarti) la resa, cioè le copie non distribuite[1].

A livello internazionale è l'International Federation of Audit Bureaux of Circulations (IFABC) che coordina i vari enti nazionali che si occupano di certificare la diffusione della stampa periodica.

DescrizioneModifica

La diffusione, come già detto, è il numero di copie di una pubblicazione consegnate ai lettori. Non tutte le copie devono essere state pagate, perché una parte potrebbero essere state vendute in blocco o tramite coupon gratuiti. Vi sono poi anche giornali che vengono diffusi gratuitamente. Questo dato statistico è molto importante per chi opera nel mercato pubblicitario, per selezionare il miglior tipo di clientela e il pubblico più ampio raggiungibile per una certa campagna pubblicitaria su un quotidiano o su un periodico.

Diffusione della stampa periodica nel mondoModifica

ItaliaModifica

 
Diffusione quotidiani italiani (1976-2020), dati ADS
 
Diffusione settimanali italiani (1976-2020), dati ADS

In Italia l'ente che certifica la diffusione della stampa periodica è Accertamenti diffusione stampa (ADS, fondata nel 1975), che dal 2000 ha modificato leggermente la definizione di "resa"[2] e dal gennaio 2013 comprende anche la vendita delle edizioni digitali[3]. In base ai dati pubblicati dall'ente, il periodo d'oro della stampa periodica in Italia è stata la seconda metà degli anni '80, per poi stabilizzarsi su livelli lievemente inferiori fino a metà anni 2000, per poi infine cominciare a crollare repentinamente dal 2008.[4][5]

I principali giornali italiani per diffusione sono storicamente il Corriere della Sera (Milano) e la La Stampa (Torino), mentre a partire dalla prima metà degli anni 1980 è assurta anche La Repubblica (Roma) come importante giornale nazionale.

Definizioni elaborate da ADSModifica

La diffusione è suddivisa in:

  • diffusione a pagamento: le copie vendute e inviate tramite abbonamenti a pagamento;
  • vendita in blocco: le copie vendute tramite vendita diretta (ad esempio nelle edicole);
  • abbonamenti da quota associativa: le copie inviate tramite gli abbonamenti riservati ai soci dell'attività editoriale;
  • diffusione gratuita: le copie promozionali o in omaggio e quelle in abbonamento gratuito[6].

ADS ha definito le edizioni digitali come segue: «Per edizione digitale si intende una replica esatta e non riformattata dell'edizione cartacea in tutte le sue pagine, pubblicità inclusa, fruibile su diversi dispositivi digitali e distribuita elettronicamente come unità inscindibile ed esclusiva»[7].

GiapponeModifica

Il Giappone tradizionalmente vanta una grande tradizione di enorme diffusione di giornali quotidiani, che derivano del suo enorme e vertiginoso sviluppo dopo la seconda guerra mondiale.[8][9] I principali giornali giapponesi sono, infatti, anche quelli che hanno il record della maggiore diffusione a livello mondiale: lo Yomiuri Shinbun con circa 8 milioni di copie e l'Asahi Shinbun con 5.5 milioni di copie, al 2019.[10]

 
Una bimba che regge una copia del The Washington Post che riporta lo Sbarco sulla luna dell'Apollo 11 del 21 luglio 1969.

Stati Uniti d'AmericaModifica

Anche gli Stati Uniti sono un altro paese che si è distinto nel panorama per il suo giornalismo di qualità. L'ente statunitense che certifica la diffusione della stampa periodica è l'Alliance for Audited Media (o AAM).

Il periodo d'oro della stampa periodica statunitense fu negli anni '40, ma l'avvento prima della radio e poi della televisione iniziarono a far stagnare la percentuale della diffusione stessa. Fino agli anni '70 la diffusione in termini assoluti continuò ad aumentare grazie alla continua crescita della popolazione, ma dagli anni '90 anch'essa cominciò ad andare in declino, anche a causa dell'avvento di internet.

Nel corso degli anni vi sono stati svariati giornali in grado di vendere ciascuno diverse milioni di copie giornaliere[11], mentre al 2019 solo due giornali superavano il milione di copie vendute giornalmente[12]: USA Today (con 1.6 milioni di copie giornaliere) e The Wall Street Journal (con un milione di copie). Altri due giornali storicamente importanti sono il The New York Times (con 483.000 copie) e il The Washington Post (254.000 copie).

 
Diffusione dei principali giornali britannici, dal 1956 al 2019.

Regno UnitoModifica

Il paese anglosassone è stato pioniere della stampa periodica mondiale: già nell'Ottocento vi erano diversi giornali in grado di vendere un numero ragguardevole di copie.[13] La diffusione in generale continuò a crescere fino alla metà del Novecento, quando raggiunse il picco, per poi cominciare a declinare.[14]

Il quotidiano più letto è il The Sun (relativamente recente, fondato nel 1964, spesso ha usato titoli scandalistici e ad effetto per aumentare la sua circolazione, come nel famoso caso della copertura mediatica data alla Strage di Hillsborough), con 1.6 milioni di copie giornaliere vendute al gennaio 2017.[15] Altri giornali importanti, sia storicamente che per la loro diffusione, sono il Daily Mirror, il Daily Mail, il The Guardian, il The Times e Metro (che però è gratuito).

IndiaModifica

Negli ultimi anni anche in India si sta affermando una certa industria giornalistica.

Il quotidiano più letto è il Dainik Bhaskar (con quasi 4 milioni di copie giornaliere al 2016) e ve ne sono diversi altri che superano abbondantemente anche le 2 milioni di copie.[16]

NoteModifica

  1. ^ a b Franco Abruzzo, Codice dell'informazione, IV edizione, Roma, Centro di documentazione giornalistica, aprile 2003, pagina 2191.
  2. ^ Trimestrale n.108 / Gennaio - Marzo 2004 (PDF), in ADS Notizie, n. 108, p. 9.
    «Dall'anno 2000 la resa è espressa in copie medie per numero. Fino al 1999 la resa è calcolata in percentuale sulla tiratura.»
  3. ^ ADS: Diffusione dei quotidiani a gennaio 2013, su primaonline.it. URL consultato il 13 marzo 2013.
  4. ^ ADS - Dati Storici 1976-1998, su www.adsnotizie.it. URL consultato il 25 giugno 2022.
  5. ^ ADS - Dati Storici 1999-2011, su www.adsnotizie.it. URL consultato il 25 giugno 2022.
  6. ^ Glossario ADS, su adsnotizie.it. URL consultato il 25-11-2009 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2012).
  7. ^ Beatrice Luceri, I giorni della stampa. Giornali, giornalai, giornalismi, Egea editore, p. 41.
  8. ^ Giovanni Giovannini, I colossi del giornalismo in Giappone, in La Stampa, 5 aprile 1967, p. 3.
  9. ^ Alberto Ronchey, Giappone paradossale, in La Stampa, 24 agosto 1963, p. 3.
  10. ^ (EN) Dainik Bhaskar is world’s third-largest circulated newspaper with 4.3 mn copies: WAN IFRA, su www.bestmediainfo.com, 12 febbraio 2020.
  11. ^ (EN) Alliance for Audited Media Top 25 U.S. Newspapers for March 2013, su web.archive.org, 11 giugno 2013. URL consultato il 25 giugno 2022 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2013).
  12. ^ (EN) Top 10 U.S. Daily Newspapers, su web.archive.org, 22 luglio 2019. URL consultato il 25 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2019).
  13. ^ (EN) §5. Progress of journalism in the Victorian era. IV. The Growth of Journalism. Vol. 14. The Victorian Age, Part Two. The Cambridge History of English and American Literature: An Encyclopedia in Eighteen Volumes. 1907–21, su www.bartleby.com, vol. 14. URL consultato il 25 giugno 2022.
  14. ^ (EN) Robert L. Bishop, The Decline of National Newspapers in the UK, in Gazette (Leiden, Netherlands), vol. 31, n. 3, 1983-06, pp. 205–212, DOI:10.1177/001654928303100305. URL consultato il 25 giugno 2022.
  15. ^ (EN) Dominic Ponsford Twitter, National newspaper print ABCs for Jan 2017: Times and Observer both boost print sales year on year, su Press Gazette, 16 febbraio 2017. URL consultato il 25 giugno 2022.
  16. ^ (EN) World Press Trends 2016: Facts and Figures | World Press Trends Database, su web.archive.org, 6 luglio 2017. URL consultato il 25 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2017).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4498328-1
  Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria