Apri il menu principale
Diga San Giovanni
Diga San Giovanni.jpg
Una vista di parte della diga San Giovanni con Naro sullo sfondo.
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
ProvinciaAgrigento Agrigento Città: Naro-Stemma.png Naro
FiumeNaro
Usoirrigazione, sport
ProprietarioESA
Inizio lavori1969
Inaugurazione1981
Tipoin materiali sciolti con nucleo centrale di materiale limoso impermeabile
Bacino irrigato79,50 km²
Superficie del bacino240 ha
Volume del bacino21 5 milioni di
Altezza28,8 m
Coordinate37°18′27.1″N 13°45′34.26″E / 37.307529°N 13.759518°E37.307529; 13.759518Coordinate: 37°18′27.1″N 13°45′34.26″E / 37.307529°N 13.759518°E37.307529; 13.759518
Mappa di localizzazione: Italia
Diga San Giovanni

La diga San Giovanni sul fiume Naro è un bacino artificiale, sito in territorio di Naro, in provincia di Agrigento.

DescrizioneModifica

Il bacino fu costruito fra il 1969 ed il 1981 e destinato alla raccolta delle acque provenienti dal fiume Naro. La diga sbarra il corso del fiume a circa 20 km dalla foce, ed è situata in località Stretta del Molino San Giovanni. Essa è collegata con la diga Furore, sempre in territorio di Naro e costruita sbarrando il percorso del torrente Grancifone (o fiume Burraito), affluente del fiume Naro.

Le sue acque sono utilizzate prevalentemente per l'irrigazione delle campagne limitrofe. La diga è circondata da un bosco spesso meta di turisti soprattutto nei giorni di festa.

In passato è stato utilizzato come impianto per le gare di canottaggio, da questo punto di vista ha vissuto il suo momento di massimo splendore nel 1991 quando nella diga sono stati disputati i XVI campionati europei di canottaggio.[1]

Il 10 luglio 2011 sulle sue acque si sono disputati i campionati siciliani di canottaggio.[2]

Pesca sportivaModifica

La facilità nel raggiungimento delle rive dalla zona della pineta e la bassissima presenza di arbusti sommersi, rende questo lago ideale e accogliente per i pescatori sportivi. Nel lago sono presenti tantissimi esemplari di Black Bass, Carpe specchio, Carpe Regina e Carassi. Vi è anche una minoranza di Carassi dorati e Carpe Koi.

NoteModifica

  Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia