Apri il menu principale

Diogeniano

grammatico e paremiografo greco antico
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo magister militum dell'impero bizantino, vedi Diogeniano (magister militum).

Diogeniano (in greco antico: Διογενιανός, Diogenianós; in latino: Diogenianus; Eraclea Pontica, fine I secolo d.C. ? – dopo il 138 a.C. ?) è stato un grammatico greco antico.

Indice

BiografiaModifica

Di Eraclea nel Ponto, di Diogeniano sappiamo solo, attraverso Suda[1], che sarebbe vissuto durante il regno dell'imperatore Adriano (117-138).

OpereModifica

Diogeniano è noto per le sue Λέξεις παντοδαπαὶ κατὰ στοιχεῖον, in 5 libri, un'epitome del grande lessico (Περὶ γλωσσῶν) di Panfilo di Alessandria. Il suo lessico, comunque, dovrebbe essere alla base di quelli di Esichio, che nella prefazione descrive la sua opera come una nuova edizione di quella di Diogeniano, e di Suda. Ne resta un'ampia porzione, contenente una collezione di proverbi, sotto il titolo Παροιμίαι δημώδεις ἐκ τῆς Διογενιανοῦ συναγωγῆς: l'opera è in ordine alfabetico e contiene 775 proverbi[2].
Diogeniano scrisse anche un'antologia di epigrammi di tipo scoptico e simposiale (Επιγραμμάτων ανθολόγιον)[3] e una lista riguardante fiumi, laghi, colline, montagne e vette di montagne (περί ποταμών λιμνών κρηνών ορών ακρωρειών).

NoteModifica

  1. ^ δ 1140.
  2. ^ A. Dihle, Greek and Latin Literature of the Roman Empire: From Augustus to Justinian, London 1989, p. 254.
  3. ^ G. Nisbet, Greek Epigram in the Roman Empire: Martial's Forgotten Rivals, Oxford 2003, pp. 22-23.

BibliografiaModifica

  • E. Dickey,Ancient Greek Scholarship: a Guide to Finding, Reading, and Understanding Scholia, Commentaries, Lexica, and Grammatical Treatises, from their Beginnings to the Byzantine Period, Oxford 2007 ISBN 9780195312928; OCLC 64770944.
  • G. Nisbet, Greek Epigram in the Roman Empire: Martial's Forgotten Rivals, Oxford 2003.
  • E. Lelli, I proverbi greci: le raccolte di Zenobio e Diogeniano, Soveria Mannelli 2006.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN61254702 · ISNI (EN0000 0000 4443 0791 · LCCN (ENno2004042212 · GND (DE102390932 · BNF (FRcb10213677p (data) · BAV ADV10271117 · CERL cnp00980170