Apri il menu principale

Dith Pran

fotoreporter cambogiano
Dith Pran

Dith Pran (Siem Reap, 27 settembre 1942New Brunswick, 30 marzo 2008) è stato un fotoreporter cambogiano sfuggito al genocidio cambogiano, la cui storia ha ispirato il film Urla del silenzio.

BiografiaModifica

Nel 1975 Dith Pran e Sydney Schanberg, giornalista del New York Times, decidono di restare in Cambogia per testimoniare della presa di Phnom Penh da parte dei Khmer rossi. Al contrario dei giornalisti stranieri, Pran non fu poi autorizzato a lasciare il paese e fu incarcerato per 4 anni in un campo di lavoro, mentre i suoi fratelli vennero uccisi. Nel 1979 riuscì a fuggire in Thailandia e poi da lì raggiunse gli Stati Uniti; dal 1980 lavorò al New York Times come fotoreporter. Pran morì nel 2008 a causa di un cancro al pancreas,[1] diagnosticato 3 mesi prima.

NoteModifica

  1. ^ Cambogia, addio al fotografo delle "Urla del silenzio", repubblica.it, 31 marzo 2008. URL consultato il 28 febbraio 2016.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN96636050 · ISNI (EN0000 0001 1452 7186 · LCCN (ENn85098699 · GND (DE134133560 · ULAN (EN500128977 · WorldCat Identities (ENn85-098699