Apri il menu principale

Affare Lady Golpe

scrittrice italiana
(Reindirizzamento da Donatella Di Rosa)

L'affare Lady Golpe è stato un caso giudiziari italiano che prese il nome dall'appellativo con cui ci si riferiva all'ex modella Donatella Di Rosa, nota principalmente per le sue rivelazioni, poi giudicate infondate, su un presunto colpo di Stato che sarebbe stato progettato tra gli anni ottanta e novanta da alcuni militari, tra cui l'allora marito, il colonnello Aldo Michittu.[1][2][3]

StoriaModifica

Nel 1993 Donatella Di Rosa, moglie del colonnello della Folgore Aldo Michittu, fece alcune rivelazioni alla stampa circa un presunto progetto di colpo di stato contro le istituzioni italiane, oltreché su di un traffico di armi da guerra verso paesi belligeranti che avrebbe interessato numerosi alti ufficiali dell'esercito. Nel corso di una conferenza stampa indetta il 7 ottobre dello stesso anno, dichiarò pubblicamente di aver partecipato assieme al marito ad alcune riunioni di alti ufficiali italiani finalizzate all'organizzazione di un golpe nel Paese;[3] nello specifico, affermò di aver partecipato a riunioni segrete con varie persone, tra cui Gianni Nardi,[3] dichiarato ufficialmente morto nel 1976 in seguito a un incidente (che sarebbe quindi stato simulato). Quest'ultima affermazione fu ritenuta abbastanza convincente da far riaprire l'indagine sul terrorista, giacché Michittu era stato l'accompagnatore della mamma di Nardi: risultò che la tomba di famiglia di Nardi in Italia conteneva un loculo vuoto, ma la famiglia spiegò che il cadavere era stato tumulato in Spagna; nove giorni dopo il corpo fu effettivamente riesumato in Spagna, e in breve tempo ne fu confermata l'identità.[4]

Pochi giorni dopo le dichiarazioni della Di Rosa, s'iniziò una serie di cambiamenti nell'apparato militare italiano. Il ministro della difesa Fabio Fabbri chiese le dimissioni del generale di corpo d'armata Biagio Rizzo;[5] il 22 ottobre si dimise, in segno di protesta, il generale Goffredo Canino, capo di Stato Maggiore dell'Esercito, accusato di aver preso parte alle riunioni.[6] Il generale Monticone, comandante della Folgore, fu dimesso dal suo incarico e in una diretta televisiva dichiarò che la Di Rosa, divenuta sua amante, gli aveva chiesto circa 800 milioni di lire[3] per facilitargli la pratica di annullamento del matrimonio presso il tribunale della Sacra Rota.[7][8]

Donatella Di Rosa fu condannata in appello a due anni e otto mesi di reclusione (pena sospesa) per calunnia e autocalunnia, nonché al risarcimento di 800 milioni di lire alle parti civili; sostenne in seguito di aver forse confuso il terrorista Gianni Nardi con un omonimo.[9] Nel 1993, Di Rosa e il marito vennero arrestati e processati: le accuse di eversione non vennero dimostrate, ma restò quella di calunnia ai danni di Monticone, sicché la donna venne condannata a due anni e otto mesi (poi ridotti a due anni e due mesi per l'indulto). La pena non venne mai scontata a causa della latitanza durata fino al 2015 quando, per un controllo sul figlio, venne rintracciata e arrestata dai Carabinieri; venne poi messa agli arresti domiciliari.[3]

Nello stesso gli venne dedicata una copertina su Playmen.[3][10] Ebbe, anche in seguito a tale situazione, una breve attività come fotomodella e personaggio televisivo, spesso a sfondo erotico, oltre che legato all'interesse per la vicenda politico-giudiziaria.[11]

NoteModifica

  1. ^ corriere.it: Lady Golpe senza veli: ecco la mia nuda verità, 25 giugno 1994
  2. ^ Lady Golpe, il nudo negato
  3. ^ a b c d e f A. Full, Il ritorno di «Lady Golpe»: «Sono ai domiciliari, malata. Una condanna arrivata tanti anni dopo...», su Corriere della Sera, 27 febbraio 2018. URL consultato il 5 marzo 2019.
  4. ^ A. Giannuli, (2013)
  5. ^ p. 68, M. Baroni (2002)
  6. ^ Canino: contesto due leggi criminali, in Corriere della Sera, 26 ottobre 1993, p. 13. URL consultato il 30 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2015).
  7. ^ p. 77, M. Baroni (2002)
  8. ^ p. 373, N. Rao (2010)
  9. ^ Donatella ora vacilla "Il mio Nardi è un altro?
  10. ^ Playmen, Anno 28, numeri 7 del luglio 1994 e 10 dell'ottobre 1994
  11. ^ Io Lady Golpe vi racconto

BibliografiaModifica

  • Donatella Di Rosa, La scatola nera di "Lady Golpe", Genzano, Menichelli, 1994.
  • Monica Baroni, Streghe, madonne e sante postmoderne: eccedenze femminili tra cronaca e fiction, Meltemi Editore srl, 2002.
  • Nicola Rao, La fiamma e la celtica, Sperling & Kupfer, 2010.
  • Aldo Giannuli, Bombe a inchiostro, Bur, 2013.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Storia d'Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia d'Italia