Apri il menu principale
Doris Schröder-Köpf
Schröder-Köpf, Doris-8894.jpg
Doris Schröder-Köpf nel 2013

Consorte del Cancelliere federale della Germania
Durata mandato 27 ottobre 1998 –
18 ottobre 2005
Capo del governo Gerhard Schröder
Predecessore Hannelore Kohl
Successore Joachim Sauer

Membro del Landtag della Bassa Sassonia
In carica
Inizio mandato 15 ottobre 2017

Durata mandato 20 gennaio 2013 –
15 ottobre 2017
Circoscrizione Rappresentazione proporzionale di liste di partito
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico SPD
Professione Giornalista

Doris Schröder-Köpf (Neuburg an der Donau, 5 agosto 1963) è una giornalista e politica tedesca, è stata la quarta moglie dell'ex cancelliere federale Gerhard Schröder.

BiografiaModifica

Attività professionale e vita privataModifica

Doris Köpf è stata corrispondente parlamentare di Bild.[1] Ha anche lavorato come giornalista per il settimanale Focus; tuttavia restituisce la sua tessera stampa dopo l'elezione di suo marito.

Divorziata da un precedente matrimonio, da cui è nata Klara nel 1991, Doris Köpf sposa nel 1997 il politico Gerhard Schröder divenendo così la sua quarta moglie. La coppia ha due figli adottivi, Viktoria (2004) e Gregor (2006), originari di San Pietroburgo (Russia).

La stampa nel marzo 2015 annuncia, la separazione della coppia Schröder. Nel 2016, ha iniziato una relazione con il ministro degli Interni della Bassa Sassonia Boris Pistorius.[2][3]

Attività politicaModifica

 
Doris Schröder-Köpf alla serata elettorale delle elezioni statali della Bassa Sassonia il 20 gennaio 2013

È membro del Partito Socialdemocratico Tedesco (SPD). Nel gennaio 2012, ha annunciato l'intenzione di candidarsi alle elezioni regionali del 2013 in Bassa Sassonia;[4]; essa, tuttavia, ha perso le primarie nel distretto di Hannover-Döhren.[5]

Infine, candidata in questa circoscrizione elettorale, non è eletta al ballottaggio, comparendo al dodicesimo posto nell'elenco regionale. Con le elezioni anticipate del 2017 viene eletta con il 38% dei voti al Landtag della Bassa Sassonia.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica