Apri il menu principale
Prima mostra eaista, Firenze (casa di Dante) 1949

Eaismo (da Era Atomica -ismo), fu un'avanguardia artistica il cui manifesto venne stilato e firmato il 3 settembre 1948 a Livorno da Voltolino Fontani (pittore ed ideatore del movimento), Angelo Sirio Pellegrini (pittore), Marcello Landi (poeta e pittore), Guido Favati (poeta) e Aldo Neri (pittore). Quest'ultimo, in un articolo del 20 dicembre 1948 pubblicato sul quotidiano Il Tirreno di Livorno, si autodefinì primo firmatario più che concreto estensore concettuale del manifesto dell'Eaismo.

Secondo l'Eaismo l'umanità stava entrando in un periodo nel quale improvvisamente risultava evidente l'inadeguatezza della dimensione morale dell'umanità nel suo complesso, rispetto alle magnifiche possibilità tecnico-scientifiche che di colpo in senso tragicamente negativo, con i devastanti bombardamenti nucleari sul Giappone, tutti si rendevano conto di possedere e di dovere con grandissima saggezza contribuire a gestire in maniera non drammatica ed apocalittica[1].

Si legge infatti nel Manifesto dell'Eaismo:

«... la scoperta dell'energia atomica è riguardata dagli EAISTI come l'acquisizione di un principio capace di rivoluzionare la nostra concezione dell'universo, e quindi di alterare quell'equilibrio sentimentale morale che in essa trovava il suo appoggio e la sua giustificazione e capace perciò di metterci di fronte a problemi di incalcolabile portata, quali quelli posti dall'inadeguatezza e sconcordanza oggi esistenti fra la verità e libertà raggiunte dal pensiero scientifico e il tono retrivo e tradizionale della nostra vita sentimentale e morale[2]

In senso estetico visivo stretto, la pittura e la poesia eaiste avevano il compito di rappresentare la frammentazione della materia con esplicito riferimento alla sua traumatica scomposizione fisico molecolare, ma dovevano anche suggerire la simultanea, costante, indispensabile presenza dell'umanità e dell'uomo nel suo contemporaneo, problematico divenire.

Quindi l'Eaismo si proponeva di inserire in ogni singolo dipinto ed in ogni singola poesia la scomposizione della materia ed altresì la contemporanea presenza dell'uomo (anche soltanto nella sua intuibilità visiva). Soprattutto premeva agli eaisti evidenziare la necessità di un'arte "progressiva" e quindi "aderente all'epoca", che non si identificasse tuttavia in un realismo troppo crudo ma che suggerisse la profonda inquietudine determinata dal progresso.[3]

L'Eaismo ebbe una sua coerente dimensione tra il 1948 ed il 1959 e precedette temporalmente parte delle sintesi visive e delle istanze propugnate successivamente nell'arte nucleare italiana ed europea degli anni cinquanta.[4].

I protagonisti dell'Eaismo furono: Voltolino Fontani, pittore, ideatore del movimento; Angelo Sirio Pellegrini, pittore figurativo/colorista; Marcello Landi, poeta livornese del dopoguerra nonché pittore; Guido Favati, poeta e filologo, docente all'Università di Pisa, ed infine Aldo Neri, pittore ed insegnante d'arte.

Inoltre parteciparono negli anni cinquanta alle esposizioni eaiste: Giulio Guiggi, scultore, i pittori Danilo Gedè, Corrado Carmassi, Giuseppe Roffi e il poeta Germano Fontani.

La scarsa coesione degli Eaisti, che non andarono al di là dell'elaborazione di un singolo manifesto, e la mancata diffusione in ambito nazionale e internazionale di mostre e conferenze decretarono la fine del movimento, che rimase confinato alla Toscana, nonostante una discreta divulgazione sulla stampa nazionale della notizia della pubblicazione del manifesto stesso[5][6][7] e alcuni approfondimenti[8][9] ad opera anche di personalità di spicco del mondo della cultura.[10]

Il movimento si esaurì in un decennio, ma si sviluppò in modo originale ed autonomo. Una sua rivalutazione è in corso da alcuni anni. Nel dicembre del 1996 a Livorno si svolse un incontro pubblico sull'Eaismo con Giuseppe Argentieri come moderatore, Luciano Bonetti, Riccardo Rossi Menicagli e, tra molti altri artisti, la presenza di uno degli ideatori dell'Eaismo Angelo Sirio Pellegrini; nel 2004, presso la Galleria Giraldi a Livorno, si tenne una mostra, focalizzata sulla produzione eaista e nucleare dell'assertore più tenace dell'Eaismo, Voltolino Fontani, curata da Francesca Cagianelli e promossa dal "Comitato per la divulgazione della figura pittorica di Voltolino Fontani" (trasformatosi nel 2011 in "Archivio Voltolino Fontani"). Nell'ottobre del 2014 si è concretizzato un nuovo contributo scientifico sull'Eaismo a firma di Martina Corgnati [11].

Il 4 dicembre 2018, in occasione del settantesimo anniversario della fondazione del movimento Eaista, hanno avuto luogo, presso il Museo Civico Fattori a Livorno, il convegno dal titolo EAISMO - Livorno 1948 - Nasce l'arte dell'Era Atomica ed una mostra esemplificativa che ha visto riuniti tutti i pittori firmatari del manifesto. Gli atti del convegno sono stati presentati pubblicamente, nello stesso Museo Fattori, il 15 maggio del 2019 dall'Archivio Voltolino Fontani, che ne ha curato la pubblicazione in collaborazione con il Comune di Livorno.

NoteModifica

  1. ^ Francesca Cagianelli, Voltolino Fontani alla Galleria Giraldi. Eaismo, esplosioni nucleari e arti decorative, Debatte Editore, Livorno 2003, pagina 65
  2. ^ G. Favati, V. Fontani, M. Landi, A. Neri, A. S. Pellegrini, Manifesto dell'Eaismo, Società Editrice Italiana, Livorno, 1948
  3. ^ Giorgio Fontanelli, L'Eaismo e il suo manifesto, Rivista di Livorno, marzo 1986
  4. ^ Francesca Cagianelli, G. Romano e B. Corà, Catalogo Mostra Antologica Voltolino Fontani, Autoritratti spirituali, Debatte Editore, Livorno 2002,Federico Zucchelli: Eaismo, Catherine Jolivette ( a cura di), British Art in the Nuclear Age, Ashgate, 2014, [1]
  5. ^ B. Guardiani, L'Eaismo a carte scoperte, Arte Contemporanea, Roma 1949
  6. ^ Piero Caprile, È nato il movimento eaista, Il Corriere degli Artisti, Milano 31-3-49
  7. ^ G. Pellegrini Giuntini, Spiriti inquieti alla ricerca del nuovo. Eaismo: arte dell'era atomica, Il Corriere di Foggia, Foggia 16-5-49
  8. ^ F.Tenze, Eaismo, arte a fumetti, Corriere dell'arte, Milano, 25 novembre 1948
  9. ^ F.Santamato, Neorealismo o...eaismo cinematografico, La nuova Gazzetta, Firenze, 5 ottobre 1949
  10. ^ Carlo Cassola, La cultura in provincia, Il Mondo, Roma 26-1-54,
  11. ^ Voltolino Fontani, un percorso, Pubblicazione Digitale, Archivio Voltolino Fontani, Livorno, 2014, in Archivio Voltolino Fontani

BibliografiaModifica

  • F. Tenze, Corriere dell'Arte, Milano 25-11-1948
  • Catalogo prima mostra eaista, Casa di Dante, Firenze 1949
  • M.G. Mancuso, Arte contemporanea, Roma 15-05-1949
  • G.P. Giuntini, Corriere di Foggia, Foggia 16-05-1949
  • L. Vita, Storia della poesia del dopoguerra, Grafica Federico Editrice, Brescia 1971
  • Aldo Santini, E nacque la pittura dell'era atomica, Il Tirreno, Livorno, 17-07-1986
  • Riccardo Rossi Menicagli, Era Atomica ismo, Rivista di Livorno, Editrice Nuova Fortezza, Livorno 1987
  • P. Miglino, Un ismo livornese, 40 anni fa nasceva L'Eaismo, pittura e poesia dell'era atomica, La Nazione, Livorno 03-09-1988
  • F. Cagianelli e G. Romano, Voltolino Fontani 1920-1976, autoritratti spirituali, Debatte editore Livorno 2002
  • Adila Fontani, Il Movimento Eaista nel panorama culturale livornese del secondo dopoguerra, Tesi di Laurea, a.a. 2005-2006; consultabile presso la Biblioteca Labronica, Livorno, Centro Documentazione e Ricerca Visiva; scheda catalografica e collocazione presenti su Opac Sistema Documentario Provinciale Livornese; consultabile anche in www.voltolinofontani.it/materiali bibliografici
  • Francesca Cagianelli, Voltolino Fontani alla Galleria Giraldi - Eaismo, esplosioni nucleari e arti decorative, Casa Editrice Debatte, Livorno 2003
  • M. Corgnati (a cura di), Voltolino Fontani, un percorso, 2014
  • Riccardo Rossi Menicagli, Eaismo 1948 e Post Eaismo 2018, sottotitolo Arte dell'Era Atomica e Arte dell'Era Post Atomica, Kindle Direct Publishing, Firenze, 22 dicembre 2018

Voci correlateModifica

  Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura