Apri il menu principale

Ectoplasma (biologia)

strato del citoplasma cellulare

Ectoplasma (dal greco ἐκτός (èktòs, fuori) e πλάσμα (plasma, lett. ciò che ha forma) è un termine adottato per la prima volta da Ernst Haeckel nel 1873, per indicare lo strato esterno e più denso del citoplasma cellulare. Confina con la parete cellulare e si trova sempre allo stato gelificato, poiché formato da citosol, proteine di ancoraggio e molti filamenti, sia di actina che intermedi.

Sono proprio i filamenti di actina i veri responsabili dello stato gelificato dell'ectoplasma, ma questi intervengono anche nella dinamica dell'intera periferia cellulare; qualora siano accessoriate di proteine di ancoraggio (quali vinculina, spectrina ed altre) formano uno scheletro flessibile che rafforza strutturalmente il plasmalemma. Entrano nella costituzione degli emidesmosomi e dei desmosomi.

Voci correlateModifica

FontiModifica

Corso integrato di istologia, vol I: le cellule, di R. Scandroglio - Edizioni S. Croce

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biologia